Fonte: www.forema.it

Formarsi per il lavoro del futuro, al via dal 22 settembre l’Academy di Fòrema per i Learning Designer

I lavori del futuro sono sempre di più e questo si deve soprattutto ad un maggiore livello di digitalizzazione che coinvolge ormai qualsiasi settore. Vengono, quindi, richiesti molti più specialisti in grado far fronte alle sfide del mercato al fine di mantenere la propria azienda al passo con i tempi. Sebbene, però, il cambiamento tecnologico e digitale sia un fenomeno continuo, la conoscenza della sua natura non può fermarsi al mero lavoro o alla sola pratica. Una volta compreso il meccanismo è necessario pensare ad una formazione solida e continua, studiarne le insidie e poi passare all’azione. Si tratta di un procedimento che coinvolge qualsiasi mutamento del contesto lavorativo, il quale negli ultimi anni si è fatto sempre più esigente. Ed è qui che si inserisce, ad esempio, la decisione di Fòrema di fondare un’accademia per formare i “Learning Designer”. 

Fòrema è un ente di formazione di Assindustria Veneto Centro a Padova, nato nel 1983. Proprio dal 2012, poi, ha iniziato a concentrarsi nella formazione esperienziale applicata allo sviluppo delle persone e alla lean production.

Ormai da tempo, si legge proprio dal sito di Fòrema, questa è una delle principali società di formazione del sistema confindustriale italiano. Nonché punto di riferimento per la crescita delle persone e della competitività delle imprese.

Come le imprese per cui lavora, però, anche la società di formazione desidera mantenersi al passo con i tempi. Ed è per questo che in seguito al periodo pandemico vissuto ha optato per proporre un percorso di formazione rivolto ai cosiddetti “Learning Designer”.

Gli “architetti della formazione” – così si definiscono in italiano – hanno un ruolo chiave all’interno dell’azienda, seppur ancora poco riconosciuto. Innanzitutto a livello di organizzazione aziendale, questi sono in grado di provvedere, grazie al background posseduto, ai bisogni complessi dell’intera azienda. Inoltre, essendo orientati a sostenere il futuro dell’azienda, il learning designer è capace di cogliere e interpretare le mode presenti e incorporarle al meglio all’interno del tessuto aziendale.

Fòrema considera molto importante investire sulla formazione dei learning designer. Soprattutto in un momento storico di cambiamento, come quello che sta attraversando da due anni a questa parte il settore lavorativo in generale.

Tra l’ormai consolidamento del lavoro ibrido e lo smart-working, e l’ascesa del fenomeno delle grandi dimissioni, la presenza di un buon architetto della formazione può rappresentare quel trait d’union capace di tenere ben saldi i vari fili dell’impresa.

Complessità, digitalizzazione, lavoro ibrido, sostenibilità, upskilling e reskilling, sono tutti paradigmi che fanno da guida alle organizzazioni che vogliono e devono mantenere competitività e presenza sul mercato. Il “Learning Designer” metterà a disposizione le competenze e gli strumenti di cui dispone per condurre prima un’approfondita analisi del fabbisogno e poi progettare un intervento formativo-consulenziale pratico, snello ed operativo, di immediata applicabilità.

Queste le parole di Giada Marafon, responsabile per Fòrema delle attività e dei progetti a mercato, che in breve sintetizzano il senso stesso dell’intera Academy.

Un corso rivolto, allora, ad una figura professionale in grado di sostituire l’incertezza del cambiamento e delle risorse a disposizione con novità propositive e soddisfacenti per tutti i componenti.

Dalla capacità di leggere e sfruttare i trend a questioni inerenti alla normativa tecnica e sicurezza dell’azienda. Passando anche per il people management e la digital trasformation. Un susseguirsi di input ed output gestito da un team di esperti che abbiano, grazie a studio ed esperienza, sviluppato quel know-how specialistico di supporto all’azienda.

Come qualsiasi percorso di formazione che si rispetti, anche quello di Fòrema per i learning designer sarà composto da una parte teorica ed una pratica. Grande importanza sarà data al grado di partecipazione degli iscritti che avranno la possibilità di cimentarsi sullo sviluppo di strategie aziendali.

La Learning Designer Academy è la risposta ad un ecosistema in continuo mutamento.

Attenta alla gestione efficace del cliente, dei progetti aziendali e di tutto il personale. Il quale potrà sentirsi completamente coinvolto nel fare la differenza per il bene dell’impresa per cui lavora. Una figura polivalente come il learning designer rappresenta, quindi, all’interno di un’impresa un punto di forza efficace. Non si tratta, dunque, solo di gestire il cambiamento, ma lo scopo è proprio quello di riuscire ad anticiparlo a proprio vantaggio.

 



Giulia Grasso