Mondiali ciclismo 2019: il programma completo

I Mondiali di ciclismo 2019, nello Yorkshire, si sono aperti con una grande novità: la cronometro a squadre mista.  Questa nuova prova, già sperimentata agli Europei, ha sostituito la cronometro a squadre introdotta nel 2012. Ogni Nazionale ha schierato una squadra composta da tre uomini e tre donne. Il primo giro è stato percorso nella prima parte dagli uomini, arrivati i primi due componenti della squadra, partiva la parte femminile del Nazionale. Il tempo finale è stato preso dopo l’arrivo, sul traguardo, della seconda donna. La prima gara di questa nuova disciplina ha visto trionfare l’Olanda sulla Germania e la Gran Bretagna, che un po’ a sorpresa conquista la medaglia di bronzo. L’Italia ha terminato la sua prova al quarto posto, a soli quattro secondi dal podio. La prova degli azzurri è stata condizionata da una foratura di Elisa Longo Borghini che ha sicuramente influito negativamente sulla prova. La prima parte del programma prevede le prove contro il tempo di tutte le categorie maschili e femminili (Junior, Under 23, Elite), mentre dal 26 settembre si svolgeranno le prove in linea. La prova a cronometro dei Mondiali, dedicata agli elite è lunga 54 km ed è perfetta per gli specialisti. Filippo Ganna e Edoardo Affini difenderanno i colori azzurri, mentre Rohan Dennis difenderà il titolo conquistato lo scorso anno. Gli avversari saranno molti a cominciare da Campenaerts, detentore del record dell’ora su pista. Proveranno a lasciare il segno anche Thomas e Roglic, ottimi specialisti nelle prove contro il tempo. La prova in linea maschile sarà totalmente diversa da quella dello scorso anno. Percorso molto lungo (280 km), 3 GPM, e un circuito finale molto tecnico con due strappi da ripetere 7 volte. È un percorso molto simile a una classica del Nord, ma non è da escludere un arrivo in volata a ranghi ridotti. L’Italia cercherà di porre fine al digiuno mondiale che dura dal 2008. Dopo il forfeit di Nibali, il capitano azzurro sarà Matteo Trentin che vorrà sicuramente migliorare il suo quarto posto ottenuto ai Mondiali di Bergen nel 2017. Trentin si trova in un ottimo periodo di forma avendo vinto recentemente anche il Trofeo Matteotti, dopo aver battuto allo sprint i compagni di fuga.
Fonte: ASO Broadway
La squadra azzurra sarà completata da Bettiol,  Cimolai, Colbrelli, Formolo, Moscon, Puccio, Ulissi e Visconti. Tra questi atleti uno farà da riserva come Sbaragli. L’Italia proverà sicuramente ad attaccare ma non è la favorita numero uno per questi Mondiali di ciclismo. Il Belgio schiererà uno squadrone: Van Avermaet (campione olimpico), Philippe Gilbert (oro ai Mondiali del 2012 e in un ottimo stato di forma), Naesen, Teuns e il giovanissimo fuoriclasse Remco Evenepoel. Il classe 2000 non difenderà i titoli della prova in linea e a cronometro conquistati lo scorso anno tra gli Juniores ma cercherà di lasciare il segno tra i professionisti. Molto pericoloso sarà anche Mathieu van der Poel, il polivalente olandese, fenomeno del ciclocross dopo il successo nell’Amstel Gold Race punta ad una medaglia ai Mondiali di ciclismo su strada, da aggiungere al suo ricchissimo palmares. Dopo aver disputato un ottimo Tour de France Alaphilippe sarà il capitano della selezione francese. Il percorso è adatto alle sue caratteristiche e ai suoi attacchi da lontano. Non bisogna dimenticare il campione uscente Valverde che sicuramente difenderà il titolo conquistato lo scorso anno. Peter Sagan non sta attraversando un periodo di forma particolarmente brillante, ma ovviamente è tra i possibili favoriti. Queste le date di tutte le gare del Mondiale: 23/09 Crono Junior maschile 23/09 Crono Junior femminile 24/09 Crono Elite femminile 24/09 Crono Under 23 maschile 25/09 Crono Elite maschile 26/09 Prova in linea Junior maschile 27/09 Prova in linea Under 23 maschile 27/09 Prova in linea Junior femminile 28/09 Prova in linea Elite femminile 29/09 Prova in linea Elite maschile