Fonte: www.yougonews.com

Avvistato in un sobborgo del Tennessee un cervo dagli occhi pelosi

Si dice che gli occhi sono lo specchio dell’anima. Lo dice la gente ma lo dice anche la scienza. Attraverso il linguaggio degli occhi possiamo conoscere molto della persona che abbiamo di fronte e comprendere il loro stato emotivo e le loro sensazioni. I nostri occhi, così come i nostri gesti, ci rendono trasparenti davanti agli altri e rivelano più di quanto non facciano le nostre parole. E questo è ancora più vero se pensiamo al periodo che stiamo vivendo. Nonostante i nostri volti siano coperti da mascherine, i nostri occhi parlano e rivelano tutte le facce che siamo capaci di presentare in ogni situazione. Questa regola vale per gli esseri umani come per gli animali. Ed ha proprio degli occhi particolari il protagonista della storia che vi stiamo per raccontare, un cervo dagli occhi pelosi.

L’AVVISTAMENTO

Lo strano avvistamento in Tennessee nel sobborgo di Knoxville, dove i residenti nell’agosto 2020 hanno avvistato per per la prima volta il cervo, un esemplare di maschio di un anno dalla coda bianca e dai capelli che crescono dagli occhi. Poiché l’antilope sanguinava, era disorientata e apparentemente impavida nei confronti degli umani, gli abitanti hanno chiamato immediatamente la “National Deer Association”. Intervenuti sul posto, gli agenti di controllo sono stati costretti a sopprimere il cervo, sospettando una malattia da deperimento cronico capace di infettare gli altri esemplari. Proprio per scongiurare questo pericolo, l’unità “Southeastern Cooperative Wildlife Disease Study” ha intrapreso una serie di studi per comprendere l’origine della strana condizione.

LO STUDIO

Grazie ai test gli scienziati sono stati in grado di scoprire la verità. Il povero cervo dagli occhi pelosi era affetto da una condizione chiamata dermoidi corneali, che si verifica quando un tessuto di un particolare tipo cresce nel posto sbagliato. Secondo il rapporto, il cervo aveva la pelle che cresceva al posto della sua cornea a cui si è aggiunta una malattia emorragica epizootica, che ha causato la febbre e il disorientamento notato dai residenti. “I dermoidi corneali, come nel caso di questo cervo, contengono spesso elementi della pelle, inclusi follicoli piliferi, ghiandole sudoripare, collagene e grasso. Le masse generalmente sono benigne e congenite, probabilmente derivanti da un difetto dello sviluppo embrionale “, hanno detto i ricercatori. “Abbiamo ipotizzato che i dermoidi si sviluppassero gradualmente e che il cervo fosse in grado di adattarsi al suo campo visivo decrescente nel tempo”, hanno aggiunto.



Catiuscia Polzella