Torneremo a viaggiare: alla scoperta di Sasso di Castalda

Grazioso paesino di montagna ai confini con la Campania, la lucana Sasso di Castalda, in provincia di Potenza, è un piacere dacché vi si giunge, dato che si viene accolti da casette e stradine sovrastate da cime: il tutto a quasi 1000 metri di altitudine.

Ad un tiro di schioppo dal Castello di Brienza, Sasso – e lo dice un po’ il toponimo – è posta su una rupe, ed il suo nome è per la prima volta rintracciabile nel regesto di Federico II del 1239 (“Saxo Forte”, ovvero sasso fortificato).

Tuttavia, sempre nel Medioevo vi sono testimonianze di attestazioni come “Petra Castalda”: ecco da dove s’origina l’attuale denominazione del borgo.

La località è famosa per il celebre Ponte alla Luna, che attira turisti da ogni parte d’Itala, e anche dal resto del Mondo. Ma siamo così sicuri che vi sia solo questo da visitare? Ecco un pò di idee…

CHIESA DELL’IMMACOLATA

Dal portale barocco, conserva, sulla porta laterale della navata sinistra, il busto di Sant’Emidio, datato alla prima metà del XVIII secolo e che protegge dal terremoto. Inoltre, all’interno si può ammirare anche la piccola scultura in cartapesta di San Damiano del XVI secolo e la “Madonna del Latte e anime purganti” del Pietrafesa.

CHIESETTA DI SANT’ANTONIO

Piccola ed integralmente ricostruita, accoglie, sulla parete di fondo, la scultura di Sant’Antuono tra Santa Margherita e Santa Caterina, modellata all’inizio del XVI secolo.

PONTE ALLA LUNA E ROCCA MEDIEVALE

È un ponte tibetano suggestivo ed avventuroso. Attraverso una campata unica di ben 300 metri e sospesi nel vuoto a 102 metri di altitudine dal torrente sottostante, deambulando letteralmente in aria si arriva al rudere del castello che domina il villaggio da un suggestivo punto panoramico.

L’arrivo è una terrazza affacciata sul ponte, che invita a riprendere fiato realizzando il percorso affrontato.

Nelle immediate vicinanze, dagli antichi ruderi della Rocca Medievale, è disponibile un belvedere con binocolo ruotante, dal quale ammirare a 360 gradi il panorama delle montagne circostanti.

Non abbiate paura di vivere quest’esperienza: amerete ancora di più un luogo che resta nel cuore.

Le foto e la clip – se volte saperne di più – sono di Christian Liguori.

 



Christian Liguori