Perché l’inglese è importante per i freelance

Oggi come oggi, chi desidera avere successo nel proprio settore lavorativo non può fare a meno di imparare una lingua come l’inglese. Si tratta infatti di uno degli idiomi più diffusi al mondo, oltre ad essere la lingua “ufficiale” del web. Ci si trova dunque di fronte ad una skill indispensabile, in special modo per i freelance che hanno quotidianamente a che fare con il digital, come coloro che svolgono le cosiddette professioni 2.0. Vediamo dunque di scoprire insieme perché l’inglese è così importante per i freelance.

Aiuta a distinguersi

In un mercato globale, essere in grado di comunicare in inglese offre un grande vantaggio rispetto alla concorrenza. Molti freelance tricolori non lo parlano, il che significa che chi è in grado di comunicare efficacemente sfruttando questo idioma è un passo avanti rispetto agli altri. Per riuscirci, è possibile prendere lezioni inglese online tramite piattaforme specializzate come Italki, giusto per fare un esempio concreto. Soprattutto, bisogna approfittare del fatto che in tanti, in Italia, ancora oggi non considerano adeguatamente questa lingua (ed è un errore grave).

Apre maggiori opportunità

Ci sono molte piattaforme e siti web per freelance che sono disponibili solo in inglese. Ciò significa che se non si conosce bene la lingua, si perdono molte opportunità potenziali, anche per quel che riguarda i marketplace online (come nel caso di Fiverr). Imparando l’inglese, si potrà accedere ad un bacino più ampio di potenziali clienti, con tantissimi progetti disponibili.

Rende più appetibili (anche i CV)

Anche se una piattaforma o un sito web per freelance è disponibile in più lingue, la maggior parte dei clienti preferisce lavorare con liberi professionisti che sanno comunicare in inglese, ad un livello qualitativo elevato. Questo perché l’inglese è la lingua degli affari, ed è l’idioma che la maggior parte delle persone usa quando fa business. Di conseguenza, essere in grado di comunicare in inglese rende più vendibili e aumenta le possibilità di ottenere clienti. Ovviamente questo vale anche per il curriculum, così da poter ottenere più chance in merito ai colloqui.

Consente di aumentare le tariffe

Un freelance che conosce bene l’inglese può aumentare (e non di poco) le tariffe per i propri servizi. Questo perché molte aziende italiane lavorano con partner e clienti esteri e, ancora una volta, l’inglese diventa una vera e propria chiave che può aprire innumerevoli porte. L’aumento delle tariffe, inoltre, giustifica anche la spesa per iscriversi ad un corso, come quelli proposti da Italki. Infine, parlare inglese consente di trasferirsi all’estero, dove le tariffe sono superiori.

Aiuta a costruire relazioni

Essere in grado di comunicare in inglese facilita anche la creazione di relazioni con i clienti e gli altri freelance, così da poter fare rete più facilmente. Quando si riesce a comunicare in modo efficace, soprattutto con clienti e colleghi stranieri, è più facile capirsi e creare un rapporto di fiducia. Questo è importante, per un motivo semplice da intuire: le relazioni forti sono fondamentali per il successo di un freelance. I rapporti professionali sia verticali sia orizzontali, infatti, possono moltiplicare le opportunità di lavoro.



redazione