Oremèta: l’album Saudade racconta il lockdown tra ricordi ed emozioni

Lo scorso 15 gennaio è uscito Saudade, il disco d’esordio degli Oremèta, trio ostiense con uno stile tutto suo. L’album, prodotto da Glory Hole Records, è stato anticipato dai singoli “Quarantena” e “Costa Nova”, navi proprio durante il primo lockdown.

Il disco, composto da dieci singoli, prova a raccontare il senso di chiusura causato dalla pandemia, che ha colpito sia ognuno di noi, portandoci a riflettere sempre di più su ogni minima esperienza, ma soprattutto il mondo fuori dalle nostre mura.

Il trio, composto da Dario Cangreo, Chiara Pisa e Giulio Gaigher, si è ritrovato a comporre il disco nello stesso condominio di Ostia Lido, precisamente all’ultimo piano del palazzo, mettendo insieme non solo le sensazioni “fresche” del 2020, ma soprattutto i ricordi e le esperienze del passato, tornate alla mente ancor di più durante questo strano ed orribile hanno che ha caratterizzato le nostre vite.

Oremèta: un lockdown in musica

I brani si susseguono tra loro in maniera ordinata, legati da giri di basso e chitarra delicati che provano a fare eco ai sentimenti di malinconia e speranza raccontati. L’album rappresenta a pieno l’eclettismo del gruppo, composto da un’artista di strada (Dario), un’attrice (Chiara) e musicisti laureati (Giulio), storie diverse legate tra loro dall’irrefrenabile voglia di volersi sentire vivi.

L’ascolto è rilassante, avvolgente, quasi pensato per essere utile a rilassarsi dopo una giornata passata davanti al pc a lavorare, evadendo dalla realtà, facendo viaggiare la mente verso orizzonti che sembrano lontanissimi oggi.

Saudade è denso di influenze latinoamericane, presenti sia nei testi come in Saudade, ma anche negli arrangiamenti, come in Costa Nova. Ritmi che si sposano ed incastrano perfettamente con le voci di Dario e Chiara, intense e dolci allo stesso tempo.

Come dicevamo, Saudade nasce in pieno lockdown e forse proprio questo rappresenta la sua forza. La lente d’ingrandimento, infatti, si concentra su determinati aspetti su cui la musica nostrana si è focalizzata poco in passato, dando il giusto risalto al “dettato” negli intro di alcuni brani (es. Costa Nova e Quarantena), aprendo il proprio cuore senza filtri.

Saudade è un album assolutamente consigliato da ascoltare, non solo per i sentimenti trasmessi, ma anche per l’altissima qualità che si trova al suo interno, dagli arrangiamenti fino alle melodie.

Di seguito la tracklist del disco, che potete ascoltare cliccando qui:

  1.  Bakarak (scratch: dj Less One)
  2.  Quarantena
  3. Pangea (feat. Soulclore)
  4. Se alle sei
  5. Meta
  6. Saudade
  7. Interludio
  8. Passaporto
  9. Diario
  10. Costa Nova



Paride Rossi