Oggi è la Giornata mondiale della neve

Istituito nel 2012, dalla Federazione Internazionale di Sci, lo World Snow Day viene festeggiato la terza domenica di gennaio. Lo scopo principale è quello di sensibilizzare i giovani agli sport invernali, alla montagna ed al rispetto verso di essa.

Durante questa giornata, tutte le località sciistiche di montagna organizzano kermesse ed eventi che si svolgono simultaneamente in tutto il mondo. Gare sciistiche, ciaspolate, escursioni in motoslitta, concorsi per la più bella scultura di ghiaccio. Sono solo alcuni degli eventi organizzati solitamente durante questo fine settimana all’insegna dell’aria buona, dello sport e del bianco.

Lo spirito della giornata è legato dalla tre “E”: Espolarare, Esaltarsi ed Entusiasmarsi. Lo scopo è quindi quello di far conoscere agli altri qualcosa di nuovo, di divertirsi e di portarsi dietro un bagaglio di ricordi della giornata.

Il Covid-19, e la pandemia che ha causato questo virus proveniente dalla Cina, hanno sconvolto le nostre vite. Se un anno fa, nonostante si sapesse già dei primi casi, in questa giornata moltissimi turisti e non solo prendere devano d’assalto le località sciistiche e partecipavano ad attività ludiche legate al World Snow Day, ad oggi la situazione è molto diversa.

Gli impianti sciistici in Italia sono ancora chiusi, e non si sà bene quando potranno riaprire. Le date sono ancora incerte e tutto dipende dall’andamento dei contagi.  Gli operatori del settore sono in grandissima difficoltà economica. Sono in bilico tra il dover necessariamente garantire la sicurezza sanitaria e il necessario sostentamento economico. La difficoltà è elevata. Quest’anno, poi, le nevicate sono state da record. L’ennesima beffa per i coloro che vivono del turismo e delle attività delle montagne.

Dal 13 al 20 gennaio, nonostante la pandemia, si svolge, il Festival Internazionale delle Sculture di Ghiaccio e di Neve di San Vigilio e San Candido in Trentino Alto Adige. Dieci gruppi di partecipanti saranno tenuti a innalzare statue di neve e ghiaccio della dimensione di oltre 3 metri. La suggestiva atmosfera del Festival prende spunto dall’Harbin International Snow Sculpture Art Expo,  che si tiene ad Harbin,  in Cina.

Quest’anno, dall’8 al 21 febbraio si svolgeranno i Mondiali di Sci Alpino a Cortina.  C’era stata gioia e grande fermento per questo evento, purtroppo anch’esso fortemente limitato a causa dell’epidemia di Coronavirus. L’evento si svolgerà infatti, con molta probabilità, senza pubblico. L’ennesimo duro colpo per l’economia montana di queste zone.

In questa difficile e strana giornata mondiale delle neve, auguriamo a tutti gli operatori del settore di riprendere presto a lavorare a pieno ritmo. Ci auguriamo che la situazione epidemiologica riesca a migliorare il prima possibile, nel frattempo comportiamoci tutti seguendo le indicazioni che ci vengono date e che orami dovremmo tutti conoscere molto bene.

 



Sharon Santarelli