La Sagra della Pizza Rossini: il tesoro nascosto di Pesaro

Gaia Toccaceli

In CUCINA / Gaia Toccaceli / Comments

Sarete increduli, lo sappiamo.

Sarete scettici, lo sappiamo.

Sarete critici, lo sappiamo, ma non ci spaventiamo.

Se siete in cerca di nuovi orizzonti culinari, non è necessario presentarsi al ristorante di Cracco e se state testando nuovi accostamenti bizzarri non dovete per forza lasciarvi guidare dalla sbronza del sabato sera. Per i palati più avventurieri è in arrivo la prima edizione della Sagra della Pizza Rossini il 28-29-30 settembre a Pesaro  a conclusione della stagione estiva.

Che cos’è la Pizza Rossini? Domanda più che lecita. Non ancora conosciuta nei ristoranti gourmet del paese, la Pizza Rossini sta cercando di farsi spazio sulle tavole degli italiani e il successo è stato raggiunto per quanto riguarda l’area del pesarese! Il condimento prevede l’accostamento di uova sode tagliate a fette e maionese su una base di pizza margherita (base rossa se si tratta della versione ridotta). Generalmente, arrivati a questo punto della descrizione, le reazioni più comuni dei disinformati ascoltatori oscillano tra il disgusto e il disprezzo. È comprensibile che l’immaginario che si prospetta non sia, allo stesso modo, piacevole per tutti, ma possiamo assicurarvi che i temerari che hanno scelto di sfidare il pregiudizio, il disgusto e la repulsione hanno vissuto un’esperienza culinaria che non rimpiangeranno mai.

Ebbene sì, perché se i tedeschi amano mangiare il ragù sulla pizza, i pesaresi preferiscono le uova sode e la maionese. Di sicuro l’originalità non manca e questo il pesarese lo sa (eccome se lo sa!), ma il suo più grande sogno è che questa insolita combinazione possa raggiungere i confini spaziali più impensati. I tentativi degli espatriati in altre regioni o in altri paesi di diffondere il verbo sono innumerevoli e le testimonianze riportate raccontano di esperimenti riusciti catastroficamente o perfettamente, senza vie di mezzo. Quale modo migliore per dare maggiore visibilità al prodotto e alla città se non attraverso una vera sagra dove sia previsto anche un sistema di votazioni per determinare la Pizza Rossini più buona della zona?

È anche probabile che il nome di questo piatto particolare vi ricordi quello del famoso musicista Gioacchino Rossini. Ebbene sì, perché la tradizione racconta che il famoso compositore pesarese amasse particolarmente questo tipo di accostamento e anche se potrebbe sembrare una leggenda anacronistica, il pesarese medio preferisce continuare ad intrecciare la cultura con il piacere.

Quindi, se avete deciso di sfoderare il vostro lato temerario e di essere tra i primi testimoni di quello che sarà il prodigio della cucina futura, non potete fare altro che partecipare alla Sagra della Pizza Rossini a Pesaro, visitare la città e lasciarvi guidare dalle note armoniose di Rossini lungo i vicoli del centro.