Photo by Xavi Cabrera on Unsplash

La Lego crea un mattoncino sostenibile in plastica riciclata

Dopo il progetto Mattel per riciclare i giocattoli che non si usano più di cui vi avevamo parlato qualche settimana fa, un’altra grande realtà sceglie di fare un passo verso la sostenibilità. Si tratta di Lego, la casa di produzione del mattoncino più famoso e colorato di tutti. L’azienda ha pochi giorni fa annunciato che inizierà a produrre i pezzi di Lego con plastica riciclata da bottiglie.

Per ora ancora solo prototipi, ma qualcosa si sta muovendo

Questa decisione fa parte del percorso che Lego affronterà da qui al 2030; per quell’anno, infatti, l’obiettivo è quello di rendere tutti i suoi prodotti sostenibili. Al momento la Lego ha raccontato che sta lavorando al prototipo del mattoncino in plastica riciclata e che ci vorrà ancora del tempo prima che possa essere disponibile in commercio. L’azienda sta attualmente conducendo degli studi riguardo a come poter colorare i nuovi mattoncini in modo tale da avere un risultato duraturo nel tempo. Tim Brooks, vicepresidente con la responsabilità ambientale di Lego ha dichiarato:

La sfida maggiore nel nostro viaggio per la sostenibilità è ripensare e innovare materiali nuovi che siano duraturi, forti e di alta qualità come i mattoncini esistenti. Con il prototipo mostriamo i progressi che stiamo facendo. Vogliamo che i nostri prodotti abbiano un impatto positivo per il pianeta. La strada è ancora lunga ma siamo contenti dei progressi che stiamo facendo

Investire in sostenibilità

Per raggiungere gli obiettivi prefissati per il 2030, la Lego ha investito circa 400 milioni di dollari in tre anni. Oltre a star cercando la formula per creare il mattoncino perfetto con plastica riciclata, la Lego ha anche preso l’impegno di eliminare la plastica dai suoi packaging entro il 2025. E se è vero che la sostenibilità passa anche attraverso la ricerca di energia pulite, il colossal di giocattoli ha dichiarato che il suo consumo di energia è al 100% bilanciato da energie rinnovabili. La svolta green arriva in un periodo davvero fortunato per l’azienda: la Lego è stata infatti una delle poche realtà ad aver beneficiato della pandemia. Costrette in casa, molte sono state le persone che hanno deciso di dedicarsi a questa attività. Nel 2020 la società ha infatti registrato una crescita dei ricavi parti al 13% e un utile netto di 1,33 miliardi di dollari.

Nel futuro quindi ci aspetta un mondo più sostenibile, in cui i mattoncini più iconici di sempre saranno realizzati con plastica riciclata, da un’azienda che non avrà alcun impatto ambientale. Un messaggio di cambiamento positivo quello della Lego che scegliendo di svelare i suoi prototipi offre al cliente la possibilità di seguire i passi del percorso verso la sostenibilità, sensibilizzando a queste tematiche anche i bambini. Del resto, il futuro si costruisce mattoncino dopo mattoncino!

 

 

 

 



Eleonora Corso