Instagram: arriva lo sticker per fare beneficienza

In WEB by Sharon SantarelliLeave a Comment

Dato l’enorme ed incommensurabile successo delle donazioni benefiche su Facebook, anche Instagram non è voluto rimanere indietro ed ha inserito nelle storie uno sticker per il fundraising nelle storie di Instagram.

Basti pensare che le donazioni raccolte tramite Facebook hanno raccolto nel 2018 più di un miliardo di dollari, una cifra non certo esigua che Instagram, vista la sua popolarità, non poteva certo non cercare di raccogliere.

A trovare il codice all’interno dell’app per Android ed a risalire alla nuova funzionalità è stato una fonte di TechCrunch, Ishan Agarwal. Il codice ha svelato la possibilità di cercare sulla piattaforma organizzazioni no profit e collegarle all’adesivo apposto sulla storia, come una sorta di collegamento. I followers, infatti, cliccando sullo sticker, potranno fare direttamente una donazione con la loro carta di credito all’associazione benefica collegata.

Grazie alla scoperta del codice, Jane Manchun Wong, specialista di reverse engineering, è stata in grado di generare uno screenshot della schermata di Instagram, dove si può visionare l’adesivo per le donazioni benefiche.

Non è ancora noto se, come Facebook, Instagram avrà l’opzione “rimuovi carta di credito dopo il pagamento” tenendo così in memoria altri nostri preziosissimi dati. Certo è che, vista l’organizzazione di Facebook, pare difficile che Instagram se ne discosti.

Instagram, a mezzo di un suo portavoce, ha confermato l’introduzione di questa ulteriore novità: “Siamo alle prime fasi e stiamo lavorando duramente per portare questa esperienza nella nostra comunità”. E ha aggiunto: “Più avanti, quest’anno, le persone saranno in grado di raccogliere fondi e contribuire a sostenere le organizzazioni non profit che sono importanti per loro attraverso un adesivo di donazione su Instagram Stories. Siamo entusiasti di portare questa esperienza nella nostra community e condivideremo ulteriori aggiornamenti nei prossimi mesi”.

Ci auguriamo che questa attenzione a canali per la beneficenza sia davvero utile per aiutare gli altri e non sia solo un ulteriore modo per mostrarsi.