Drag Race Italia è ormai una certezza: annunciata la giuria ufficiale

La squadra italiana del talent drag più famoso al mondo inizia a prendere forma. Dopo l’annuncio, seppur non confermato, della volontà di Discovery Plus di trasmettere la versione italiana di Drag Race, format creato negli Stati Uniti da RuPaul Charles, oggi è arrivata la prima conferma: la giuria sarà composta da Tommaso Zorzi, recente vincitore del GF VIP 5 e opinionista dell’ultima edizione dell’Isola dei Famosi, Chiara Francini, famosa ed acclamata attrice, conduttrice televisiva e scrittrice, e Priscilla, talentuosa drag queen che ha costruito il suo impero nell’accattivante isola di Mykonos.

Il fenomeno Drag Race si è esteso, soprattutto negli ultimi due anni, in tutto il mondo. Dopo ben 13 stagioni registrate negli Stati Uniti (+6 della versione All Stars, con le migliori drag queen), 2 nel Regno Unito e in Tailandia, e una rispettivamente in Canada, Spagna, Australia e Olanda, è finalmente arrivato il momento dell’Italia, che nell’incredulità di molti avrebbe tardato nell’interessarsi in questo format, soprattutto rispetto a tanti altri paesi europei nettamente più avanti nell’accettazione delle varie sfaccettature del mondo LGBTQI+.

diregiovani.it

A primo impatto si può facilmente constatare come la scelta della giuria segua un copione piuttosto simile a quello delle altre giurie di Drag Race nel mondo. Tommaso Zorzi, in questo caso, seguirebbe il filone dell’esperto di moda e delle tendenze attuali, mentre Priscilla (chi più di lei) conoscerebbe alla perfezione il mondo del drag, potendo essere così un’ottima spalla per la futura conduttrice. Infine, Chiara Francini rappresenterà la vena più comica, e perché no critico-artistica, del pannello dei tre giurati.

Un’altra notizia importante, che seguirà il filone delle giurie spagnole e canadesi, è quella della mancanza di un vero e proprio conduttore, in quanto, per via della sua ormai probabile assenza, toccherà alla giuria valutare e commentare i vari partecipanti per lo svolgimento delle loro missioni settimanali (mini e maxi challenge) e delle sfilate con i look sulla passerella. A questo proposito, vista l’assenza di un conduttore vero e proprio, sarà curioso scoprire chi si incaricherà della mini challenge settimanale, presentata e svolta fuori dal programma vero e proprio in studio.

Ultima, ma non meno importante, sarà l’importanza data ai vari ospiti che affiancheranno il pannello fisso durante le varie puntate. Infatti, in ogni puntata, in base soprattutto al tema che seguirà questa, si inviterà un ospite famoso, che avrà il compito di giudicare le partecipanti e aiutare i giuidici nella fase di consultazione pre-eliminazione.

gaytimes.co.uk

Iniziano a girare anche le prime voci sulle possibili concorrenti di questa prima, e tanto attesa, stagione di Drag Race Italia. Gli organizzatori hanno promesso di cercare di rappresentare al meglio tutta la penisola, dando spazio a queens provenienti da tutta l’Italia e con stili drag diversi tra di loro, per promuovere così la diversità geografia e artistica, da sempre molto importante in Drag Race.



Marco Russano