Bluestar: il nuovo autobus anti-inquinamento

Giuseppe Forte

In TECH / Giuseppe Forte / Comments

Si chiama Bluestar ed è il nuovo autobus anti-inquinamento che ha iniziato a girare per le strade di Southampton, città della contea dell’Hampshire nel Regno Unito.

Da anni l’abbattimento dell’inquinamento atmosferico rappresenta sempre di più una sfida per svariati Paesi. Alle recenti stime effettuate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo cui le morti premature in tutto il mondo per problemi di salute associati all’inquinamento dell’aria sono salite a 4.2 milioni ogni anno, si sono aggiunte quelle del Department for Environment Food and Rural Affairs che ha specificato come l’inquinamento atmosferico da particolato riduce in media l’aspettativa di vita dei residenti di sei mesi.

Il Regno Unito rappresenta da diverso tempo uno dei Paesi promotori della protezione della salute delle persone e del pianeta, avendo già lanciato numerosi modelli di città sostenibili e fattorie del vento. L’ultima trovata porta la firma di The Go-Ahead Group, uno dei più grandi operatori britannici di autobus e ferrovie, che ha pensato di lanciare un autobus anti-inquinamento in grado di ripulire l’aria urbana mentre è in circolazione. Il prototipo, in fase di test a Southampton, è stato dotato di un innovativo sistema di filtraggio dell’aria fissato nella parte superiore del veicolo e progettato appositamente per intrappolare le polveri sottili. Il filtro è in grado di rimuovere le particelle tossiche presenti nell’aria con un’efficienza fino al 99,5%. Il test per Bluestar avrà una durata di tre mesi al termine dei quali si provvederà alla pesatura del filtro per valutare l’effettiva quantità di particelle evacuate. “Stiamo per fare un passo avanti affinché i nostri autobus possano pulire attivamente l’ambiente. È un enorme sviluppo nella nostra leadership ambientale e siamo anche orgogliosi di essere i pionieri di questo prototipo nel Regno Unito “, ha dichiarato David Brown, chief executive di Go-Ahead Group.

[bluestarbus.co.uk]

Se il Bluestar sarà in grado di restituire risultati incoraggianti, Go-Ahead Group implementerà la stessa tecnologia a ben 4.600 autobus. L’intento è quello di convertire Southampton, giunta al limite dell’inquinamento atmosferico pericoloso secondo l’OMS, in una città pulita entro il 2020. “L’autobus pulirà l’aria sulla sua rotta fino a un’altezza di 10 metri: immaginiamoci il cambiamento che potremmo apportare non solo alla qualità dell’aria urbana, ma anche alla vita delle persone se tutti gli autobus della flotta Bluestar fossero dotati di questa tecnologia”, ha proseguito Brown.

In un anno, un singolo autobus potrebbe pulire un volume d’aria equivalente a quello di 25 piscine olimpioniche. L’azienda britannica ha così implementato la funzione di miglioramento della qualità dell’aria a quella che normalmente caratterizza gli autobus e i trasporti pubblici, ovvero la decongestione del traffico urbano. Il sistema di filtraggio utilizzato in questo bus ecologico è stato costruito da Pall Aerospace, la più grande società di filtrazione aerospaziale e di difesa del mondo.