Fonte: Facebook

Abruzzo, un cervo va a “fare spesa” dal fruttivendolo: lo scatto è virale

Un nuovo anno è appena iniziato. Tanti sono i momenti che ci siamo lasciati alle spalle e tanti altri sono quelli che arriveranno. Tra i classici buoni propositi che, puntualmente, non rispetteremo, siamo pronti ad affacciarci a questo 2022 con entusiasmo e speranza. Alcune cose cambieranno ma altre resteranno esattamente uguali. A non cambiare saranno sicuramente i nostri amici a 4 zampe e le loro divertenti avventure che, molto spesso, noi di Social Up amiamo raccontarvi. Siamo pronti, dunque, a raccontarvi una nuova pagina de “Il fantastico mondo degli animali” e lo facciamo partendo da un cervo immortalato mentre è intento a “fare spesa” dal fruttivendolo. Lo scatto è diventato virale.

Ci troviamo a Villetta Barrea, un piccolo centro nell’Aquilano. Un paesino tranquillo tra le montagne del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Adagiato lungo il fiume Sangro e dominato dal Monte Mattone, il paese, come gli altri della zona, ha una storia antica. Situato a quasi 1000 metri sul livello del mare, il piccolo centro è popolato da 596 abitanti. In questo luogo paradisiaco, dove la vita scorre lenta e tranquilla, lavora Luigi, un 83enne originario di Caserta. Da anni, l’uomo si ferma nel borgo abruzzese a vendere frutta e verdura. Qualche giorno fa, però, ha servito un cliente speciale e che mai si sarebbe mai immaginato di vedere.

Fonte: www.viaggievacanze.com

Come ogni mattina, Luigi ha disposto i propri prodotti da vendere ai clienti. Qualcun altro, però, aveva notato quel po’ po’ di prelibatezze. Ed ecco che con fare furtivo, un cervo si è avvicianto alle cassette di frutta poggiate accanto al furgone, e si è servito da solo, facendo una scorpacciata. Ad immortalare il momento Pierluigi Viola, giovane originario di Civitella Alfedena. Il suo scatto, pubblicato sul gruppo Facebook “Nato e cresciuto in Abruzzo”, è diventato subito virale.

“La prima cartolina dell’anno” ha letteralmente fatto impazzire il web. “Un esemplare sicuramente goloso – si legge nel post – ma che ha scelto alimenti sani per ristorarsi”. Cibo che, come ricordano i responsabili del Parco, è meglio non offrire agli animali selvatici, dalle volpi agli orsi ai cervi, per evitare che si rompano i giusti equilibri del rapporto fra l’uomo e l’animale. Resta, tuttavia, la straordinarietà dell’immagine che dipinge ” uno spaccato della quotidianità più unica che rara che solo il centro Abruzzo può regalare”.



Catiuscia Polzella