9 luoghi comuni sulla perdita di peso

Uno degli argomenti su cui tutti hanno qualcosa da dire è sicuramente la perdita di peso. Popolo di amanti della buona cucina, ma anche figli della dieta mediterranea, noi italiani notoriamente amiamo parlare di cibo, incluso quello sano e integrale. La dieta per noi non significa solo salute, ma anche vedersi più belli, e ritornare a quell’educazione alimentare che veniva così naturale ai nostri nonni e che, complice la grande offerta di cibo – non sempre sano – abbiamo un po’ perso.

Una tendenza che va di pari passo con quella, sempre crescente, a provare tutte le ultime novità in fatto di fitness. Dalla semplice passeggiata di 30 minuti fino allo yoga in sospensione, ormai non c’è sport che gli italiani non vogliano testare almeno una volta. Per stare in salute, certo. Ma anche, e soprattutto, per perdere peso e vedersi più belli. Già, ma se dieta e palestra sono, almeno in teoria, le basi per un corpo sano e in forma, in realtà sono tanti i luoghi comuni sulla perdita di peso che portano spesso le persone a fallire i loro programmi. Curiosi di conoscere quali? Scopriamole insieme!

  1. Più si riduce l’apporto calorico, prima si dimagrisce 

Molte persone, quando decidono di mettersi a dieta, pensano che più calorie taglieranno e prima dimagriranno. Questo luogo comune, però, oltre che sbagliato, può essere anche dannoso per la salute. Non solo una riduzione eccessiva dell’apporto calorico porta il metabolismo a bloccarsi, e quindi di fatto blocca la perdita di peso, ma si rischia anche di privare il fisico di importanti nutrienti e, nel peggiore dei casi, di ammalarsi. Una buona dieta dimagrante, in linea di massima, dovrebbe prevedere non meno di 1200kcal per le donne e non meno di 1500kcal per gli uomini.

  1. Dieta e attività fisica bastano da sole a perdere peso

Questo luogo comune non è completamente sbagliato, e sicuramente non è nocivo per la salute. Tuttavia, evidenzia un approccio superficiale al problema, che può anche far sentire frustato chi, nonostante lo sport e un’alimentazione corretta, proprio non riesce a dimagrire. Non sono pochi i casi, in realtà, in cui si ha bisogno di un integratore per dare una scossa al metabolismo o per altre esigenze. In questo caso, per capire quale integratore faccia al caso proprio, è meglio fare prima qualche ricerca. Siti come YuKenDu, ad esempio, offrono recensioni dei principali integratori alimentari disponibili sul mercato, e vale sempre la pena darci un’occhiata.

  1. I cibi grassi fanno (sempre) ingrassare

Tagliare i grassi è un grande classico, e in linea generale non è sbagliato. Tuttavia, eliminare completamente l’olio d’oliva, o ad esempio i grassi derivati da carne e formaggi, significa da un lato precludersi l’apporto di importanti nutrienti e, dall’altro, spesso sostituire i grassi con carboidrati e zuccheri che alzano la glicemia. I grassi “buoni”, infatti, oltre ad essere ricchi di nutrienti, hanno in realtà un effetto dimagrante perché aiutano a bloccare la fame.

  1. Per tagliare le calorie basta assumere cibi light

Un luogo comune molto diffuso e che spesso porta addirittura a ingrassare. Questo perché acquistare cibi light spesso porta le persone a mangiare in maggiore quantità, assumendo così in realtà più calorie del dovuto. Inoltre, in alcuni alimenti i grassi sono sostituiti con carboidrati e zuccheri, con gli effetti che abbiamo visto sopra.

  1. Sollevare pesi in palestra fa dimagrire

Si e no. Di sicuro il sollevamento pesi fa crescere i muscoli, quindi la massa magra. E siccome la massa magra “brucia” più calorie della massa grassa, in teoria potreste perdere peso. Tuttavia, se volete sostituire la pancetta con la tartaruga, i pesi da soli non bastano a bruciare il grasso. Abbinate quindi un’attività cardio come corsa o step.

pastedGraphic_1.png

  1. Non bisogna mai sgarrare

Nulla di più falso. Ogni dieta sana prevede un pasto libero – ovviamente nei limiti del buon senso – perché una piccola gratificazione settimanale è necessaria a non perdere la motivazione, e anche a dare una scossa al metabolismo. Non più di una alla settimana però!

  1. Basta perdere peso per rimodellarsi e far sparire la cellulite

Si e no. Sicuramente alcuni cuscinetti adiposi andranno via perdendo peso, ma la forma del fisico ha una base genetica. Questo non significa che non la si può mai modificare, ma che, quantomeno, serve qualcosa in più come l’attività fisica e/o dei trattamenti estetici per mandare via la cellulite, che non dipende dal peso.

  1. Un’insalatona è sempre un’alternativa light

Vero in parte. Sicuramente inserire delle fibre fa bene, ma molte insalate sono fin troppo ricche e condite per potersi dire davvero dimagranti. Se, insomma, state pensando alle insalatone ricche di crostini, pollo fritto ecc, sappiate che è meglio un piatto di pasta al pomodoro.

  1. Saltare i pasti aiuta a tenersi in forma

Assolutamente no. Al contrario, saltare i pasti serve solo a rendere il metabolismo più lento, perché meno lo si fa lavorare, più il metabolismo si impigrisce. Per dimagrire bisogna invece stimolarlo mangiando poco e spesso, alternando i pasti principali con degli spuntini.



redazione