GP Austria: Bottas centra il successo per la Mercedes. Vettel termina secondo e allunga su Hamilton

Secondo successo in carriera per Valtteri Bottas che sul tracciato del Red Bull Ring si è aggiudicato il Gran Premio d’Austria, nono appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1.

L’alfiere della Mercedes, reduce dalla brillante pole position ottenuta nelle qualifiche del sabato, si è reso protagonista sin dallo start con uno scatto fulmineo che gli è quasi costato una penalità per partenza anticipata. Secondo la direzione gara, Bottas si è mosso poco prima dello spegnimento delle cinque luci rosse ma entro le tolleranze accettabili dal regolamento.

Proprio come avvenuto in Russia, dopo aver condotto agevolmente la gara il finlandese si è visto insidiare la sua leadership sul finale da Sebastian Vettel, giunto al secondo posto con la Ferrari e a pochi decimi di distanza grazie ad una buona gestione delle gomme nella fase finale. Terzo posto ad appannaggio di Daniel Ricciardo, a podio per la quinta gara consecutiva e confermatosi come uno dei piloti più in forma del momento, dopo l’exploit di Baku.

Lewis Hamilton, scattato ottavo dopo il grid penalty di 5 posizioni per la sostituzione del cambio della sua Mercedes, ha concluso quarto alle spalle dell’australiano della Red Bull, capace tenere botta all’attacco del driver inglese negli ultimi chilometri di gara. A seguire l’altra Ferrari di Kimi Raikkonen, la cui prova è stata condizionata da una strategia mirata al disturbo verso Hamilton e Bottas nella fase di avvicinamento ai pit-stop. Ottima sesta posizione per la Haas di un ritrovato Grosjean, autore di un weekend solido e convincente; il francese ha preceduto le coppie Perez-Ocon della Force India e Massa-Stroll della Williams che hanno completato il quadro della top ten.

La sfortuna non ha invece mollato Max Verstappen, giunto al quinto ritiro nelle ultime sette gare; questa volta, la corsa del giovane olandese della Red Bull è stata stroncata alla prima curva subito dopo il via, dove Kvyat è entrato a ruote fumanti innescando un incidente che ha messo fuori combattimento anche la McLaren di Fernando Alonso.

Dopo le controversie sviluppatesi nelle ultime due settimane dopo i fattacci di Baku e la tregua annunciata all’arrivo in Austria, il confronto diretto in pista tra Vettel e Hamilton è quindi rimandato, complice soprattutto la penalità dell’inglese che ha tenuto a debita distanza i due principali contendenti al titolo. Il risultato del Gran Premio d’Austria ha sorriso al portacolori della Ferrari, il quale ha aumentato il gap in classifica generale portandolo a 20 punti. Nel weekend si tornerà nuovamente in pista per il decimo round del campionato che si terrà sullo storico circuito di Silverstone per il Gran Premio di Gran Bretagna.



Giuseppe Forte