tatuaggi animati

Cosa sono i tatuaggi animati e chi li ha inventati

In #Lifestyle by redazioneLeave a Comment

Avevi mai visto un tatuaggio animato oppure Un murales animato? Forse no, ma di certo tutti avranno almeno un vago ricordo del whisky Ballantine’s. Il brand ha deciso infatti di rendere il suo claim “Ballantine’s. Leaves an impression.” reale e di stupire i suoi consumatori e non.
Il marchio ha deciso di creare un QRcode che rende i tatuaggi e disegni come ad esempio cartelloni oppure murales vivi e animati. Le iniziative promosse da Ballantine’s sono state principalmente tre e legate ognuna a tre diversi artisti:

  • K.A.R.L. ha realizzato un QRcode incastonato nel tatuaggio di un volontario presente al momento dell’iniziativa, il quale si ritrova ora con un artwork floreale sul petto che prende vita sotto lo sguardo di uno smartphone.
  • J.A.M.I.E. è stato in grado di costruisce un robot di ghiaccio che si dimena fino a sciogliersi completamente
  • 45.R.P.M.  invece si è cimentato in un opera murales cangiante come un sogno ad occhi aperti.

Queste tre tipologie di performance interattive, seguite in diretta su Facebook dai fans del whisky, hanno dato via ad una moda che oggi si chiama “tatuaggi animati” conosciuti anche come “tatuaggi fluo”. I tatuaggi reagiscono infatti ai raggi UV cambiando completamente l’immagine oppure creandone una che normalmente non si vedrebbe.

Questi vengono realizzati utilizzando inchiostri particolari chiamati UV Blacklight Ink oppure UV reactive. Gli inchiostri di questo genere sono però molto differenti da quelli classici infatti l’associazione internazionale Food and Drugs Amministration non ha ancora ufficialmente approvato l’utilizzo degli inchiostri UV reactive. Esistono poi due tipologie di inchiostri: uno più nocivo e un altro meno dannoso e che quindi ad oggi è più usuale trovare negli studi dei tatuatori. Per capire se state ricevendo un tatuaggio animato con l’inchiostro giusto, quindi privo di fosforo, basta constatare se questo si vede anche ad occhio nudo. Se dovesse essere così allora state incorrendo in un inchiostro nocivo. Ma se il vostro tatuaggio si vede solo con la luce UV allora siete in mani fidate e professionali. Infatti per realizzare questo tatuaggio il professionista deve avere a portata una lampada UV perché nel caso contrario sarebbe impossibile per lui tenere traccia delle sue linee.