Scomparso a 43 anni Chadwick Boseman: Stormin’ Norman e re di Wakanda

Il 28 agosto ci ha lasciato Chadwick Boseman, giovane e carismatico attore americano, celebre soprattutto per aver interpretato il super eroe Black Panther nell’omonimo film del 2018, nonché in Captain America Civil War e nelle ultime due pellicole dedicate agli Avengers  (Infinity War ed Endgame).

Come indicato dalla pagina ufficiale Facebook la morte è stata causata da un tumore al colon che gli era stato diagnosticato al terzo stadio già nel 2016. “Un vero guerriero” si legge nel post su facebook. Stupisce senza dubbio la sua battaglia contro la malattia in questi quattro anni, in cui ha recitato in film che hanno caratterizzato l’apice della sua carriera di attore.

In questo articolo ricordiamo il suo ruolo di T’challa in Black Panther, ma anche quella che per noi è la sua migliore performance attoriale: nel ruolo di Stormin’ Norman in Da 5 Bloods (2020), un film che è un po’ un testamento di questo giovanissimo attore, prematuramente scomparso.

Chadwick Boseman è morto, addio alla star di Black Panther

Senza dubbio Chadwick Boseman sarà ricordato per essere stato il primo super eroe afroamericano sullo schermo. In Black Panther (2018) egli interpreta un giovane destinato a diventare il re di Wakanda, un regno ipertecnologico, sito in Africa che è nascosto agli occhi di tutti gli altri e combatte contro le minacce più pericolose che possono affliggere la Terra. Fiaba di formazione, forse eccessivamente esaltata dai media per il tema razziale, in verità tra le righe, la pellicola rappresenta un ulteriore tassello dell’universo espanso Marvel, in cui Chadwick Boseman nei panni del supereroe-sovrano orgoglioso, saggio, elegante, forte e incredibilmente tenace e combattivo, si cala subito con disinvoltura e carisma. Si può affermare che uno dei punti forti del film del 2018 sia proprio la sua interpretazione, ribadita anche nelle successive apparizioni della Pantera Nera al fianco degli Avengers.

Chadwick Boseman, il commosso addio degli Avengers a Black Panther
@lascimmiapensa.com

Come dicevamo nelle premesse però la sua migliore interpretazione è rappresentata da Da 5 Bloods, film Netflix del 2020, tratto da una storia vera. In questa  pellicola complessa in cui si riflette su cosa sia stato il Vietnam per gli afroamericani, il regista Spike Lee affida a Chadwick Boseman un ruolo fondamentale, quello di Stormin’ Norman, un giovane soldato che al contrario degli altri commilitoni (gli altri quattro fratelli neri americani chiamati alle armi) ha ben chiaro il confine tra bene e male e sul campo è portatore non di odio o violenza, ma di valori di fratellanza effettivi, citando Martin Luter King in mezzo al fragore della battaglia e analizzando la realtà nella sua complessità, senza facili conclusioni o semplificazioni.

Is 'Da 5 Bloods' Based On A True Story? Spike Lee's Film Is Rooted In Reality
@elitedaily

Nel film di Spike Lee questo personaggio, morto prematuramente in guerra, fa da modello, monito, fantasma per gli altri commilitoni sopravvissuti che sono portati a confrontarsi con la sua purezza, con il suo coraggio e con la chiarezza dei suoi ideali e principi, mentre la loro mente è torbida, assillata dai tormentati ricordi della guerra che porta alla follia, al voler replicare il potere che essi avevano sul campo, alla necessità di affrontare i propri demoni.

E’ incredibile pensare che Chadwick Boseman abbia interpretato questo ruolo nel film uscito nel 2020, prima della sua scomparsa. La sua presenza scenica nel film è notevole ed è senz’altro una componente imprescindibile dell’opera. Sono proprio l’espressività, la forza di spirito e la serenità pacifica del personaggio a rappresentare la chiave di lettura fondamentale di Da 5 Bloods, una pellicola antimilitarista che fa propria la figura di Martin Luter King. Stormin’ Norman è infatti una sorta di maestro spirituale e di vita nell’inferno del Vietnam.

Da 5 Bloods Review: Spike Lee Netflix Movie Returns to the Vietnam War | Den of Geek
@denofgeek

Quasi un film testamento per questo giovane attore: al cinema spesso nella veste di guerriero saggio, coraggioso, responsabile e tenace, un po’ come nella vita nell’affrontare un male difficile e purtroppo implacabile.



Francesco Bellia