Scaldabagno elettrico: ecco come risparmiare e rispettare l’ambiente

Per ottenere acqua calda in maniera efficace si può valutare di acquistare ed installare nella propria abitazione uno scaldabagno elettrico. Si tratta di una soluzione che sta riscontrando successo sul mercato soprattutto negli ultimi anni, quando sono stati messi in commercio modelli in grado di garantire un ottimizzazione dei consumi – e, conseguentemente, dei costi – ma anche di registrare un impatto sull’ambiente molto contenuto. Tra gli scaldabagni elettrici più apprezzati, perché dotati di queste caratteristiche, ci sono quelli Ariston, di cui è possibile osservare tutti i punti di forza alla pagina https://www.ariston.com/it-it/prodotti/scaldacqua/elettrici/.

Come funziona lo scaldabagno elettrico

Capire il funzionamento dello scaldabagno elettrico è indispensabile per poter apprezzare i vantaggi che è in grado di offrire. Si tratta di un elettrodomestico che è stato sviluppato non solo per riscaldare l’acqua, ma anche per immagazzinarla all’interno del suo serbatoio e per mantenerla calda. Infatti, questo dispositivo è stato progettato per accendersi in automatico quando viene rilevata una temperatura inferiore al limite minimo, in modo che l’acqua possa essere scaldata di nuovo grazie al passaggio della corrente nella resistenza elettrica, che di fatto è il meccanismo impiegato per ottenere calore.

I vari modelli di scaldabagno elettrico differiscono per la resistenza elettrica montata, per la capacità del serbatoio – si va in genere dai dieci litri dei modelli più compatti fino ai centoventi litri di quelli più grandi – e per il range di temperatura dell’acqua.

Come risparmiare con lo scaldabagno elettrico

Per risparmiare con lo scaldabagno elettrico e ridurre i consumi per il riscaldamento dell’acqua ci sono alcune accortezze di cui si può tenere conto in fase di acquisto ed altre che invece riguardano un utilizzo consapevole dell’acqua, a maggior ragione se riscaldata.

Per quel che riguarda l’acquisto, si è detto che in commercio sono numerosi i modelli disponibili. Lo scaldabagno elettrico non deve essere scelto solo in base alle dimensioni, ma soprattutto per la sua efficienza energetica. Il costo dei vari modelli è ovviamente diverso e uno dei fattori che incide maggiormente sul prezzo è proprio l’efficienza energetica.

Acquistare uno scaldabagno che sia in grado di consumare meno può sembrare più dispendioso all’inizio, ma nel lungo periodo si rivela la scelta più proficua, perché quanto speso in più in fase di acquisto sarà recuperato con il risparmio mensile per il ridotto consumo di elettricità. Inoltre, un prodotto di classe energica alta costituisce anche una soluzione più ecologica per l’ambiente.

Dal momento che si sta parlando di un dispositivo in grado di immagazzinare acqua calda, potrebbe essere una scelta vantaggiosa riscaldare l’acqua in fasce orarie specifiche. Nella maggior parte dei contratti di fornitura di corrente elettrica sono previste delle fasce orarie più economiche: si consiglia, quindi, di leggere il contratto che è stato sottoscritto.

Acquistare un modello di scaldabagno elettrico con un orologio programmatore, infine, può aiutare ad impiegare al meglio il proprio scaldabagno e a programmare con precisione i momenti in cui debba accendersi per svolgere la sua funzione. L’orologio programmatore diventa essenziale per chi voglia riscaldare l’acqua nelle fasce orarie più convenienti dal punto di vista economico.