Pininfarina Battista: l’hypercar elettrica più potente mai prodotta in Italia

Svelata ufficialmente in occasione del Salone dell’automobile di Ginevra, una delle più grandi kermesse dedicate all’universo automotive ed in scena al Palaexpo fino al 17 marzo, la Pininfarina Battista è la prima hypercar elettrica e sostenibile prodotta da Automobili Pininfarina, il marchio controllato dal colosso indiano Mahindra Group. Il nome del nuovo bolide realizzato dal team guidato dal designer Carlo Bonzanigo è un omaggio a Giovanni Battista Pininfarina, il fondatore della gloriosa azienda italiana nel 1930. L’approdo dell’auto su strada è atteso per il 2020, anno in cui ricorrerà il novantesimo anniversario della leggendaria casa di design Pininfarina.

La Battista si presenta in tutta la sua unicità non solo a livello stilistico, ma anche e soprattutto per le sue performance. La vettura dispone di quattro motori elettrici, forniti dall’azienda croata Rimac e sistemati in prossimità di ciascuna ruota, in grado di erogare una potenza di 1900 CV e una coppia di 2300 Nm che la spingono da 0 a 100 km/h in meno di 2 secondi e da 0 a 300 km/h in meno di 12 secondi; numeri da capogiro che la rendono l’auto stradale più potente mai prodotta in Italia. Prestazioni simili sono rese possibili grazie all’impiego di una particolare batteria a forma di T da 120 kWh e caratterizzata da un sistema di raffreddamento a liquido. Per tenere ulteriormente sotto controllo l’effetto delle temperature elevate trovano posto anche ben 55 radiatori, mentre per mantenere il peso contenuto è presente una monoscocca in fibra di carbonio.

Esternamente, la Battista è riconoscibile per le forme sportive senza fare a meno della dovuta eleganza, in pieno stile Pininfarina. Alla manifestazione ginevrina, è stata presentata in tre colorazioni differenti: Bianco Sestriere, Blu Iconica e Grigio Luserna. Sarà comunque possibile per i futuri acquirenti effettuare diversi tipi di personalizzazioni. All’interno della vettura si trova una plancia tecnologica con 3 display digitali attraverso cui è possibile procedere con la configurazione e il controllo di tutti gli svariati parametri del veicolo. Infine, a completamento dell’intero pacchetto non poteva mancare anche un adeguato sistema d’infotainment.

[theverge.com]

“Siamo designer, siamo italiani, non possiamo scendere a compromessi sulla bellezza della vettura”, ha affermato Paolo Pininfarina, presidente di Pininfarina e nipote del fondatore dell’azienda. “Essere in grado di progettare un’auto con tale potenza, coppia e velocità, e tuttavia emettere zero emissioni, è, pensiamo, davvero eccezionale”.

La Pininfarina Battista sarà prodotta rigorosamente in Italia e in soli 150 esemplari che verranno poi smistati tra Nord America, Europa e Medio Oriente. Il prezzo partirà da una base di un milione di euro, a cui ovviamente potranno aggiungersi le eventuali spese di customizzazione. La casa produttrice fornirà agli acquirenti stessi un servizio speciale attraverso alcuni dei migliori specialisti della vendita al dettaglio di auto di lusso.

Le auto elettriche rappresentano il futuro della mobilità sostenibile. Con questa automobile, Mahindra Group e Pininfarina vogliono dimostrare come questo concetto sia estendibile anche verso le vetture lussuose, esclusive e collezionabili.

Altre storie
Colosses – Imponenti statue a confronto con il panorama