La WWE sbarca a Milano e come sempre regala emozione pura

redazione

In SPORT / redazione / Comments

Di Luca Cavezzale per Social Up.

Ancora una volta la WWE, con il roster di Smackdown, è tornata in Italia per portare il grande circo del wrestling, e noi di Social Up c’eravamo.

Venerdì 10 novembre circa 8.000 spettatori si sono dati appuntamento al Forum di Assago per seguire le performance dei loro beniamini di uno sport che è soprattutto spettacolo e intrattenimento.

Il pubblico, composto per lo più da giovanissimi, ma anche da famiglie intere – in cui a volte mamme e papà sembravano più appassionati dei figli – ha seguito con attenzione tutti gli incontri, incitando i lottatori e seguendo con attenzione ogni mossa dei lottatori sul ring.

La card della serata ha visto trionfare Aj Styles nel main event “triple threat match”, in cui si è confermato campione mondiale battendo Jinder Mahal ed il giapponese Nakamura – che abbiamo potuto intervistare per voi nella conferenza stampa di presentazione. Tra gli altri incontri, tutti spettacolari e di altissimo livello tecnico, spiccano sicuramente quello che ha visto impegnate le “Divas”, l’anima femminile della WWE, che hanno confermato di essere, al pari dei colleghi uomini, bravissime e spettacolari sul ring, oltre che bellissime ed eleganti fuori.

Il momento più emozionante però, anche per chi scrive, per motivi anagrafici, è stato l’ingresso in scena di Randy Orton, uno dei pionieri del successo televisivo, almeno in Italia, del wrestling nei primi anni 2000.

The Legend Killer”, così soprannominato per avere sconfitto negli anni moltissimi mostri sacri della WWE, ha vinto il suo match contro il gigante bulgaro Rusev, astro nascente e futuro contendente al titolo di campione mondiale.

Inutile dire che l’incontro è terminato con la mitica RKO, celebre mossa finale di Randy Orton, che ha mandato in visibilio il pubblico presente a Milano.

Il bilancio della serata è stato quindi di tanto spettacolo e divertimento per i più piccoli, ma anche un tuffo nel passato per i più grandi.