Credits: RollingStone.it

Il ritorno di Caparezza: Exuvia è il cambiamento di cui abbiamo bisogno

Caparezza, in arte Michele Salvemini, rompe il silenzio e lancia il nuovo singolo “Exuvia”, con cui anticipa l’omonimo album in uscita il prossimo il 7 maggio.

A quattro anni dalla fatica di Prisoner 709, Caparezza riappare davanti ai suoi fan: è tutto vero, non si tratta di una visione. Una bella notizia in un momento in cui il mercato musicale è indeciso sul da farsi, tra artisti che scelgono di temporeggiare vista la mancanza di live ed altri che decidono di rischiare, spesso con molti flop.

Exuvia: una trasformazione per dimenticare la negatività

Il ritorno è in grande stile, con annuncio improvviso seguito da un altrettanto inaspettato nuovo brano, Exuvia appunto, che fa da biglietto da visita all’album del rapper pugliese.

L’Exuvia, ha spiegato Caparezza sui social, “è ciò che rimane del corpo di alcuni insetti dopo aver sviluppato un cambiamento formale. Un calco perfetto, talmente preciso nei dettagli da sembrare una scultura, una specie di custodia trasparente che un tempo ospitava la vita e che ora se ne sta lì, immobile, simulacro di una fase ormai superata.”

La copertina del nuovo album trasuda il concetto di cambiamento, trasformazione, in cui troviamo un cerchio molto pronunciato a rappresentare la condizione attuale ed un cerchio minore, ossia la condizione futura. Il passaggio è sancito dalle spirali, “simbolo di morte e rinascita in gran parte delle culture”.

La cover di Exuvia

Caparezza, quindi, celebra il suo rito di passaggio con il nuovo lavoro, allontanandosi dalle sue prigioni ed angosce, raccontate in maniera originale in Prisoner 709, tendendoci la mano nel nuovo viaggio in una serva oscura, dove tutto è nascosto e non definito.

L’album, composto da 14 brani e 5 skit, contiene anche due feat, rimasti misteriosi per qualche giorno, scatenando così il totonomi tra i fan. A svelare l’arcano è stato lo stesso Caparezza sui suoi social, annunciando che i due personaggi misteriosi che appariranno nell’album saranno “il cantante della mia rock preferita del momento”, ossia Matthew Marcantonio e Mishel Domenssain, una cantautrice messicana che ha incantato il rapper con la sua voce mentre era alla ricerca di nuovi talenti online.

Caparezza: una costante trasformazione tra Museica, Prisoner 709 ed Exuvia

In Prisoner 709, infatti, Caparezza ha affrontato diversi temi legati alla tendenza umana a sentirsi “rinchiusi” nella propria mente, con dogmi e credenze. Nel lavoro, inoltre, vi sono molti riferimenti all’acufene, un disturbo che ha interessato Caparezza in passato, che provoca effetti fastidiosi all’orecchio durante la percezione di determinati suoni (es. fruscii, pulsazioni). Insomma, un disturbo non facile da gestire e superare per un musicista.

Come Exuvia, però, anche Prisoner 709 è stata una trasformazione per Caparezza rispetto al precedente album Museica, sia in termini di sonorità, più hip hop e rock nel primo rispetto al rock e funky del secondo, che di tematiche, molto lontane dallo strano intreccio tra violenza ed arte del secondo.

Arrivando al singolo Exuvia, il brano rappresenta un’intensa full immersion nel Caparezza trasformato, un passaggio netto dal rock all’elettronica, ovviamente con l’hip hop perennemente presente. Un intreccio interessante, in cui melodia ed arrangiamento si sposano alla perfezione, introducendo l’ascoltatore nella selva sconosciuta della trasformazione.

Caparezza dimostra di essere coraggioso, avendo deciso di puntare sulla realizzazione di un nuovo album in questo annus horribilis, scegliendo di produrlo e registrarlo “in-house” a Molfetta, nella splendida Cittadella degli Artisti. Una scelta importante per Caparezza, vero e proprio animale da palcoscenico, che sicuramente saprà stupire nonostante la mancanza di live (almeno per il momento).

Caparezza è la medicina di cui abbiamo bisogno, la certezza musicale a cui aggrapparsi in momenti di crisi identitaria. Il 7 maggio non è mai stata una data così importante come ora.

Di seguito la tracklist completa di Exuvia:

1 – Canthology (feat. Matthew Marcantonio)
2 – Fugadà
3 – Una voce (skit)
4 – El sendero (feat. Mishel Domenssain)
5 – Campione dei novanta
6 – La matrigna (skit)
7 – Contronatura
8 – Eterno paradosso
9 – Marco e Ludo (skit)
10 – La scelta
11 – Azzera pace
12 – Eyes Wide Shut
13 – Ghost Memo (skit)
14 – Come Pripyat
15 – Il mondo dopo Lewis Carroll
16 – Pi esse (skit)
17 – Zeit!
18 – La certa
19 – Exuvia

 



Paride Rossi