Il coronavirus non ferma il party nel villaggio di riposo di Forsyth Gardens

Per aggirare la solitudine, gli abitanti del villaggio di riposo di Forsyth Gardens, a Menora, nell’Australia occidentale, hanno escogitato un piano.
Infatti, un gruppo di pensionati non ha voluto permettere all’emergenza sanitaria di impedire loro di organizzare una grande festa di strada, rigorosamente a distanza sociale.
L’obiettivo era quello di riuscire a sfruttare al massimo il blocco per il coronavirus.
Essendo un vero e proprio villaggio, ogni abitante ha una propria villetta, con vista sulla strada principale che li unisce tutti e davanti a casa non manca una piccola parte di verde che è stata fondamentale nell’organizzazione di questa festa, permettendo ai partecipanti di portare una sedia in giardino e sedersi li per godersi la serata.
La festa è stata organizzata con tutti i residenti, ognuno appunto sul prato davanti alla propria abitazione, così da rispettare la distanza sociale, ma in grado di chiacchierare tra loro e bere qualcosa in compagnia, dopo la chiusura della sala comune del villaggio.
Una residente ha filmato il tutto e conferma come l’evento abbia avuto un grandissimo successo, così da essere riconfermato d’ora in poi ogni venerdì sera, come evento settimanale.
Nel villaggio la maggior parte delle persone ha un’età compresa tra i 73 anni e i 97 anni e anche per questo una serata del genere può dare un grandissimo supporto in un momento così difficile da superare. Un modo alternativo per non sentirsi soli, per sentirsi uniti ed essere uniti tra loro.
Per gli anziani soprattutto è previsto un distaccamento sociale totale cercando di limitare il più possibile i rischi e proprio per questo certe idee sono da prendere come esempio. Regole rispettate e sano divertimento.
Intanto il governo ha annunciato altri 445 milioni di dollari per sostenere la forza lavoro e il settore dell’assistenza agli anziani durante la pandemia.



Rebecca Broomfield