I resti di Tylee e Joshua, bambini scomparsi da 9 mesi, sono stati trovati: la loro madre era convinta che fossero “zombie”

La notizia ha fatto il giro del mondo alcune settimane fa. I resti di due bambini scomparsi da nove mesi sono stati trovati vicino a una casa nell’Idaho, nel nord-ovest degli Stati Uniti.

Nuovi documenti giudiziari indicano che la madre pensava che i propri figli fossero diventati degli “zombie” e affermava di essere “in missione” per liberare il mondo da queste creature. Tylee Ryan, una ragazza di 17 anni, e Joshua “JJ” Vallow, un bambino di 7 anni affetto da autismo, sono stati visti l’ultima volta a settembre e i loro nonni preoccupati hanno riferito della loro scomparsa solo due mesi dopo l’ultimo incontro. Nel frattempo, la loro madre, Lori Vallow, seguace di culti esoterici, aveva lasciato la città di Rexburg con il suo compagno, Chad Daybell. La coppia si era trasferita alle Hawaii, dove si è poi sposata poche settimane dopo la morte della moglie dell’uomo avvenuta in “circostanze sospette”.

“È con il cuore pesante che possiamo confermare che questi resti sono stati identificati ufficialmente come quelli di JJ Vallow e Tylee Ryan”, ha dichiarato la polizia di Rexburg. I resti dei due bambini sono stati scoperti il ​​9 giugno durante una perquisizione della proprietà di Chad Daybell. L’uomo è stato preso in custodia con l’accusa di aver tentato di distruggere le prove. Anche sua moglie Lori Vallow è ora in detenzione dopo la sua estradizione dalle Hawaii avvenuta a febbraio.

È accusata di abbandono di bambini, di aver fatto false dichiarazioni alla polizia e di oltraggio alla corte. L’inchiesta sulla scomparsa dei bambini ha preso una svolta macabra quando la polizia ha notato una serie di morti nell’entourage di Lori Vallow e del suo nuovo marito, autore di libri esoterici in cui racconta le sue esperienze di “morte imminente” e i suoi contatti con l’aldilà.

Melanie Gibb, amica di lunga data di Lori Vallow, ha collaborato con le autorità per mesi, secondo un documento scritto dal tenente di polizia a Rexburg. “Melanie Gibb riferisce che quando arrivò a Rexburg, Lori la informò che Joshua [suo figlio autistico di 7 anni, ndr] era diventato uno “zombie” “, si legge nel documento. Secondo la madre, il bambino è rimasto immobile a guardare la televisione e le ha detto che amava Satana. Prove sufficienti per la madre che affermava che suo figlio fosse quindi diventato uno “zombie”, mentre Melanie, da parte sua, non aveva notato alcun cambiamento nel comportamento del bambino. Non era la prima volta che Melanie Gibb sentiva la madre delle due povere vittime parlare di “zombie”, secondo il documento.

“Melanie Gibb riferisce inoltre che, per la coppia, il termine “zombie” si riferisce a un individuo il cui spirito mortale ha lasciato il proprio corpo e che il suo corpo è ora l’ospite di un altro spirito. Il nuovo spirito di uno ‘zombie’ è ancora considerato uno ‘spirito oscuro’ ”, riportano ancora le testimonianze. “Fino a quando il corpo dell’ospite non viene ucciso fisicamente”

Melania Gibb afferma inoltre che la coppia pensava che quando uno zombi prende il controllo del corpo di una persona, “il vero spirito della persona entra nel limbo e rimane bloccato lì fino a quando il corpo dell’ospitante non viene ucciso fisicamente.

Come tale, la morte del corpo fisico è considerata il meccanismo attraverso il quale lo spirito originale del corpo può essere liberato dal limbo, sempre secondo i documenti trovati.



redazione