Una.Nessuna Centomila Il Concerto

7 grandi artisti si uniscono alle voci di “Una, Nessuna, Centomila, il Concerto”

Ritorna dopo circa due anni, il nuovo appuntamento di “Una. Nessuna. Centomila. Il Concerto”. Un’attesa che ripaga con una grande novità. Il più grande evento musicale contro la violenza di genere tornerà live 11 giugno, alla RCF Arena Reggio Emilia.

Tornano sul palco le protagoniste: Fiorella Mannoia, Emma, Alessandra Amoroso, Giorgia, Elisa, Gianna Nannini, Laura Pausini. Le voci di 7 grandi artiste di uniscono nuovamente per raccoglie fndi destinati ai centri antiviolenza.  

UNA: perché ogni volta che una donna lotta per se stessa, lotta per tutte le donne.

NESSUNA: perché nessuna donna deve più essere una vittima.

CENTOMILA: il numero delle voci che si potranno unire alle 7 artiste per il più grande evento musicale di sempre contro la violenza sulle donne.

La vera novità per l’edizione del 2022 è che alle voci delle 7 artiste protagoniste si alterneranno sul palco 7 grandi artisti del panorama musicale italiano. Hanno, infatti, deciso di sostenere una causa così importante per lanciare un messaggio forte e univoco contro la violenza sulle donne. Caparezza salirà sul palco insieme a Fiorella Mannoia. Brunori Sas accompagnato da Emma, Diodato da Alessandra Amoroso, Sottotono con Giorgia, Tommaso Paradiso con Elisa, Coez insieme a Gianna Nannini ed Eros Ramazzotti al fianco di Laura Pausini.

Nonostante due anni di rinvii a causa della pandemia da Covid-19, l’impegno delle 7 grandi artiste a favore dei diritti e contro la violenza nei confronti delle donne è sempre stato costante. Non sono mancate infatti azioni importanti a sostegno della causa, tra cui le donazioni di 200.000 euro a favore del centro antiviolenza “Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate” (CADMI) e alla Fondazione Pangea Onlus per il progetto “Emergenza Afghanistan”.

“Una. Nessuna. Centomila. Il Concerto” (organizzato e prodotto da Friends & Partners e Riservarossa) è uno spettacolo che nasce per dare un aiuto concreto ai centri e alle organizzazioni che sostengono e supportano le vittime di violenza. I proventi del concerto verranno erogati a strutture selezionate sulla base di criteri di trasparenza e tracciabilità, strutture in grado di fornire un supporto solido e duraturo alle vittime e garantire e assicurare la sostenibilità nel tempo delle attività da loro realizzate.



Benito Dell'Aquila