13 foto raccapriccianti catturate dai baby monitor

Cosa sono i Baby Monitor? Sono dei dispositivi nati con tutta probabilità dalla mente paranoica di alcuni genitori, ossessionati dalla sicurezza dei loro bambini. Scherzi a parte, i Baby Monitor sono degli apparecchi, somiglianti a dei walkie-talkie, che vengono lasciati nella camera o nella culla del bambino e che servono a controllare se il bambino piange o se dorme tranquillamente. Gli ultimi sviluppi tecnologici hanno dato origine a congegni capaci, non solo di far udire la voce strepitante del neonato, ma addirittura di poterlo vedere tramite il proprio Smartphone. Come tutti i progressi, anche questa novità ha il suo retro della medaglia: le scene a cui i genitori hanno dovuto assistere si sono rivelate essere piuttosto… inquietanti, soprattutto se scattate di notte.

13) Un neonato da incubo

La maggior parte delle immagini impressionanti che stai per vedere sono, per fortuna, frutto di movimenti di bambini irrequieti che possono essere mal interpretate, complice il buio. Negli altri casi… forse è necessario chiamare un esorcista. Sei pronto a essere scioccato?

Bastano un’atmosfera un po’ cupa, gli occhi oscurati e un’espressione enigmatica per trasformare un innocente piccolo bambino, che sta facendo i suoi primi gorgheggi del mattino, in una creatura posseduta dal demonio. Aiuto.

12) Non aprite quella porta

Perché i bambini sono i protagonisti di numerosi film dell’orrore? Registi e sceneggiatori sono tutti concordi: i film del terrore con personaggi dai 10 anni in giù attirano moltissimo pubblico, che si moltiplica se sono presenti neonati. Da cosa è dovuto tale interesse? I bimbi sono soggetti ideali per scatenare le paure più recondite: nella nostra concezione, essi rappresentano infatti la condizione di innocenza e e purezza per eccellenza. Proprio trasformare i bambini, nel loro stato immacolato, in creature demoniache assetate di sangue turbano la nostra sensibilità e stimolano quell’eccitazione particolare data dalla paura.

Cosa vedi in questa immagine? Il frutto mortifero di un incontro tra il diavolo e una donna? Un abominio della natura? Per fortuna, nulla di tutto ciò. Se guardi con più attenzione, scoprirai la verità: il bimbo ha semplicemente ricevuto la visita del gatto di casa che si sta accoccolando intorno a lui! Per questo il papà ripete sempre a tutti: “non aprite quella porta, che se no entra il gatto e sveglia la piccola peste!”

11) Mio figlio non è solo

Alla nascita del secondo figlio, molti genitori si chiedono se è giusto far condividere la stanza ai fratellini: molto dipende dalla disponibilità di spazio, dall’educazione dei genitori stessi, dal carattere e dalla situazione dei bambini. A volte, non si riscontra nessun trauma particolare, anzi si ha un’accettazione immediata e spontanea del nuovo arrivato, tanto da accoglierlo nel proprio letto senza problemi. Un’immagine molto tenera sarebbe proprio vedere i propri figli dormire placidamente insieme. Non è questo però il caso che stiamo per sottoporti…

Non è il terrore di ogni genitore dare un’occhiata allo schermo del Baby Monitor e vedere che il proprio bambino, che ha lasciato da solo qualche minuto prima, dorme accanto a… una figura sconosciuta? Sarà stato magari il bambolotto con cui si addormenta o un effetto provocato dalle lenzuola aggrovigliate ma sicuramente l’effetto è da film horror: il bambino ignaro abbraccia un altro bambino che fissa in modo minaccioso la telecamera.

10) Chiamate un esorcista!

Una delle credenze più diffuse al mondo sembra essere la possessione delle persone da parte del diavolo. Secondo queste stesse opinioni, il periodo infantile nello specifico diventa un bersaglio più facile per le manipolazioni del Maligno e per le accuse di possessione di spiriti demoniaci. Purtroppo, sono molti i casi di omicidi di bambini giustificati con il tentativo di liberazione dal diavolo: genitori ed educatori terrorizzati e smarriti che si macchiano del sangue di innocenti. Come nel caso dell’americano Eder Guzman-Rodriguez che nel 2011 picchia a morte la figlia Jocelyn, di 2 anni, cercando di liberarla dal demone che credeva fosse in lei.

Benché la posizione di questo bambino rimandi immediatamente ad una delle più famose immagini del film cult L’esorcista (in cui si vede la dodicenne Regan MacNeil camminare e scendere le scale, in modo totalmente inconsueto, al contrario), non spaventarti, va tutto bene. Il bimbo in questione non è posseduto da nessuno ma semplicemente non ha sonno: ha pensato così di mettersi a fare le capriole nel lettino!

9) Attenzione al fantasma

Chi sta vegliando o, forse, attentando al sonno di quel fagottino addormentato?

8) Il bambino zombie

Sembra di essere in un film dell’orrore. Il bimbo starà andando a mangiare i cervelli dei componenti della sua famiglia o, più semplicemente, si è appena svegliato e, ancora un po’ assonnato, sta andando dalla mamma a prendersi un po’ di coccole?
7) L’alieno
Che bel momento deve essere guardare lo schermo e realizzare di non aver partorito un umano ma… un baby alieno.
6) Ti sto guardando

Lui si è accorto di essere osservato da quello strano marchingegno poggiato sul comodino.

5) C’è qualcuno in agguato nel buio

Invece di rimanere fermo e impassibile, lui ha deciso di passare al contrattacco!

4) Il fantasma di The Grudge

Se hai presente anche solo un’immagine del remake statunitense del film Ju-oh: Rancore del 2004 allora puoi capire lo spavento della nonna che si è trovata di fronte a questa scena! Le è quasi preso un infarto!

3) Chi ha lasciato la porta dell’armadio aperta?

Quando i genitori hanno lasciato la piccola addormentata, l’armadio era chiuso…

2) Interferenza tecnologica o demoniaca?

Potrebbe essere il poster di un disturbante documentario del terrore!

1) Umano, sto per venire a prenderti

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo su Facebook, in particolare ai tuoi amici suscettibili!



redazione