Curiosità Italiane, Bergamo la città dai mille colori!

In #artecultura, ARTE by Giorgia Santocono Comments

#CuriositàItaliane oggi fa tappa a Bergamo, conosciuta anche come il “salotto” d’Italia. Immergiamoci tra le sue strade per scoprire il perché di questo soprannome.

La città lombarda vanta uno dei più preziosi e vasti patrimoni artistici d’Italia. Bergamo, sin dalle sue origini, fu influenzata dalla cultura lombarda, ma anche da quella veneta.  Nel 1428 la città passò sotto il dominio della Serenissima Venezia e vi ci rimase fino alla caduta della Repubblica nel 1797.

Oggi Bergamo si snoda su due livelli: la ”Bergamo Bassa” e la ben più famosa ”Bergamo Alta’‘. Quest’ultima è considerata un vero gioiello da custodire e non a caso, il 9 luglio 2017 Bergamo Alta è stata ufficialmente inserita nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Le mura venete della Città Alta sono un’imponente costruzione architettonica risalente al XVI secolo, in ottimo stato di conservazione, non avendo subito, nei secoli, nessun evento bellico. L’accesso alle mura avviene per mezzo di quattro porte, quella di Sant’Agostino, San Giacomo, indubbiamente la più bella e panoramica, Sant’Alessandro e San Lorenzo, quest’ultima conosciuta anche come porta Garibaldi.

Risultato immagine per bg alta e bassa

A Bergamo è impossibile non respirare atmosfere d’altri tempi. Provate a passeggiare sui ciottoli delle strette vie di Città Alta, vi ritroverete catapultati in paesaggi medievali che si confondono con il romantico panorama, ammirabile dalle imponenti mura veneziane. Ciò che questa città ha da offrire è molto di più di quanto si immagini. Abbiamo selezionato 7 curiosità che ve la faranno amare definitivamente!

Risultato immagine per casoncelli e polenta bergamasca

#1”Al Nord non si mangia bene come al Sud!”- E chi lo dice?!
Da bravi ”polentoni”, i bergamaschi non possono di certo fare a meno della famosa ”polenta” sulla loro tavola domenicale. La vera polenta, gialla e corposa, rievoca antichi sapori della tradizione lombarda. Il segreto è prepararla sul fuoco a legna nei caratteristici e antichi paioli di rame. Può essere mangiata come piatto unico (condita con burro e formaggio fuso, come il taleggio), ma spesso, i bergamaschi la accompagnano ai brasati oppure al coniglio. La polenta accontenta anche i palati golosi. La ”polenta e osei” riprende la forma di questo piatto, la pasta di mandorle le conferisce il tipico colore giallo e per finire si aggiungono decorazioni a forma di uccellini di cioccolato. Vi bisogna obbligatoriamente assaggiare i “casonsei”, dei ravioli di carne conditi con burro fuso, pancetta e salvia.

#2 Bergamo, la Città di Donizetti
Gli amanti della musica e non solo, rimarranno sorpresi nello scoprire che è proprio Bergamo la città natale di Gaetano Donizetti, qui nato nel 1797. La  casa natale del noto compositore è molto umile ed è visitabile al N*14 di Borgo Canale, in Città Alta. Al Museo Donizettiano, è possibile visionare gli originali manoscritti autografati dal Donizetti, oltre che altri documenti e suoi oggetti personali. Infine, imperdibile è la visita al teatro Donizetti, maestoso edificio fondato nel 1786.

#3 ”Il Campanone”, ovvero la torre civica che si erge maestosa nella principale piazza di Città Alta. Tenete a mente che alle 22:00 in punto di ogni sera, sentirete 130 colpi. Niente paura, una vecchia usanza che, anticamente, avvertiva i cittadini della chiusura delle porte della città. Uno spettacolo suggestivo e molto particolare.

#4 Arlecchino. Carnevale a Bergamo è di casa, avete presente la mascherina più burlona del Carnevale? Ebbene, il famoso Arlecchino, la più conosciuta maschera della commedia dell’arte,  è originario proprio di ”Bergamo de sota” (Bergamo Bassa); mentre Brighella pare invece appartenere alla ”Bergamo de sura” (Bergamo Alta).

Risultato immagine per arlecchino bergamo

#5 Scale

Girando per la città, vi troverete ad affrontare moltissime scalette antiche: la loro funzione è quella di collegare le due città, Bergamo Bassa e Bergamo Alta.
Attraversandole, si può rivivere ed assaporare la vera Bergamo medievale, con stradine fatte di ciottoli, scorciatoie silenziose e spesso, anche salite impegnative. Il modo migliore per visitare la Città Alta è salire a piedi, attraverso le suggestive quanto innumerevoli scalette.

Risultato immagine per scalette di bergamo

#6 Curiosità Letterarie.

Molte sono le arti che si legano a Bergamo, tra queste anche la letteratura. Torquato Tasso era solito trascorrere i suoi pomeriggi in un suggestivo Caffè di Piazza Vecchia, fantasticando sulle possibili storie di coloro che vedeva passare per la piazza, in un allegro ed incessante via vai. In suo onore, oggi è possibile visitare lo storico locale ”Caffè del Tasso”. In tema di Caffè la vera curiosità è al ”Bar Marianna” , qui fu inventato il golosissimo gusto di gelato ”stracciatella”. Questa non la sapevate, vero?!

Risultato immagine per funicolare bergamo

#7 La funicolare

Come ultima curiosità c’è la bellissima funicolare. Da oltre 120 anni, questa collega il centro di Bergamo Bassa con la Città Alta. La funicolare è davvero molto amata dai bergamaschi: permette infatti di viaggiare verso l’alto sospesi su di un filo, non perdendosi però, il magnifico paesaggio che si può ammirare dalla carrozza sospesa.
Nella stazione a monte, vi è una sala d’attesa e una balconata immensa, dove ancora oggi si può gustare un caffè  ammirando la meravigliosa vista su tutta la città (”Il Caffè della funicolare”).

Risultato immagine per funicolare bergamo

Ancora molto si potrebbe dire su Bergamo, città dai mille colori, dalle mille storie e tradizioni locali. E’ certo che, per chiunque passi da Bergamo, è impossibile restare indifferente di fronte a tanta bellezza. In ogni scorcio, in ogni snodo di ogni piccola stradina medievale di questa antica e nobile città si percepisce un gusto di raffinatezza. Bergamo è amata dai bergamaschi e culla per i sogni di tutti. Possiamo davvero affermare che il titolo di Salotto d’Italia è meritatissimo.

Risultato immagine per vista da bg alta

Eccoci giunti al termine di questa tappa di  #CuriositàItaliane, la rubrica che, ogni settimana, vi porterà a visitare gli scorci e i paesaggi italiani da non perdere. Utilizzate il nostro hashtag e…al prossimo viaggio! Scriveteci per dirci la vostra o per invitarci a scoprire le bellezze della vostra città italiana del cuore.