Instagram @muschioselvaggio

L’ultima puntata di Muschio Selvaggio è la risposta di Chiara Ferragni agli hater

Muschio selvaggio è un progetto di Luis e Fedez che prevede la realizzazione di podcast riguardo differenti argomenti. Ne sono stati registrati ben 27 a partire dallo scorso gennaio. Nell’ultima puntata di questa prima stagione (i due hanno infatti confermato una seconda stagione a partire da settembre 2020) l’ospite speciale è stata Chiara Ferragni, imprenditrice digitale e moglie del celebre rapper. Tra le differenti tematiche trattate è risultata centrale quella del bodyshaming, che desta sempre un certo interesse soprattutto alla luce di quanto successo nelle ultime settimane. L’accusa ridicola di svilire l’arte postando foto sui social mentre si visitano gli Uffizi è l’ultima beffa di un mondo che davvero continua a non capire il potere delle parole. Vi invitiamo quindi ad ascoltare questo ultimo podcast e a rendervi conto di quanto ridicolo sia tutta questa polemica.

Questo è il podcast mio preferito

In questo dialogo della durata di circa un’ora, l’imprenditrice digitale ha risposto a diverse domande e tra una risata e l’altra Chiara ha parlato con estrema sincerità. Il contesto famigliare sicuramente è stato positivo per la spontaneità delle risposte. Ovviamente intervistare una persona come Chiara Ferragni è sempre difficile dal momento che essendo costantemente sotto i riflettori si sa sempre tutto di lei. Inoltre, dopo l’uscita del documentario sulla sua vita dello scorso autunno è veramente difficile raccontare qualcosa di cui il pubblico non sia già a conoscenza.

Nonostante ciò, Luis e Fedez hanno creato un piacevole podcast in cui Chiara parla degli haters, delle sue liste, dei suoi esordi e dei primi inviti alle sfilate. L’imprenditrice digitale soffermandosi sul tema degli haters racconta di pagine Instagram create con il solo obiettivo di denigrarla. Il discorso poi si sposta sulla questione del bodyshaming e Chiara ancora una volta lancia il messaggio secondo cui sia necessario volersi bene. Lei stessa è stata oggetto di bodyshaming riguardo i suoi piedi. Fedez ha  poi sottolineato:

“Io trovo una cosa abominevole che, indipendentemente dai social, i media, la televisione e personaggi che hanno un certo spazio si siano ritrovati a parlare dei piedi di Chiara Ferragni. E in qualche modo hanno legittimato il bodyshaming…mi ha dato fastidio il legittimare una cosa del genere. Secondo me, non perché è Chiara Ferragni, in generale far passare il messaggio che si possa prendere in giro qualcuno perché ha dei piedi brutti o qualche difetto fisico è sbagliato”

In seguito l’imprenditrice digitale  si sofferma soprattutto sul fatto che dietro ai filtri e ai ritocchi ci sono comunque persone che non sono perfette. Insomma, i difetti li hanno tutti e anche un personaggio pubblico può star male in conseguenza a messaggi discriminatori atti a evidenziare un determinato aspetto.

Anche Paola Turani si schiera contro il bodyshaming

Anche la modella Paola Turani, in seguito a critiche ricevute sui social, ha detto la sua. La modella ha lamentato il fatto che ancora oggi ci siano persone che sentono il bisogno di evidenziare i difetti degli altri nascondendosi dietro uno schermo. Ciò che forse questi utenti non hanno ben compreso è che chi riceve questi messaggi è pur sempre una persona e in quanto tale può soffrirne.

View this post on Instagram

Questa non è di certo la mia foto più bella, l’ho scattata velocemente, non l’ho ritoccata e non l’ho editata con i miei soliti filtri. Ma sono io. Senza trucco (nel vero senso della parola) e senza inganno. Stamattina ho letto l’ennesimo messaggio riferito al mio corpo “Tanto lo sappiamo tutti che quel piatto di pasta non lo mangi per essere così magra” e nei giorni scorsi molti altri riferiti al melasma (macchia) che ho in fronte e sopra il labbro o ai capellini bianchi che ogni tanto spuntano prima di fare la tinta. Sono abituata e ho molta pazienza, ma non sempre funziona il “fregatene”. Stamattina ho fatto una riflessione: DOVE È FINITA LA NORMALITÀ? Essere se stesse, normali ai nostri occhi e agli occhi degli altri senza dover nasconderci, senza subire ogni volta giudizi, battutine e messaggi per dei piccoli difetti. Le macchie, le occhiaie, i brufoli, la cellulite, la pancia ecc.. Nella REALTÀ, tolti i filtri e dietro ai ritocchi le imperfezioni le abbiamo tutte, ci rendono normali e vi assicuro che dal vivo quelle macchie si vedono ancora di più😂! In questi giorni mi è venuta l’ansia, quasi la paura di mostrarmi per come sono, dopo l’ennesimo commento in cui mi faceva notare qualcosa che non andava bene. Ma per chi non va bene, esattamente? Dovremmo cercare di non trovare per forza il difetto negli altri, di non continuare a giudicare, di essere più tranquille e in pace con gli altri ma soprattutto con noi stesse. Non siamo sempre ordinate, non siamo sempre impeccabili, la perfezione non esiste, non pretendiamola, che è così bella LA NORMALITÀ 💙

A post shared by PAOLA TURANI (@paolaturani) on

Non ha alcun senso commentare foto con frasi del tipo “hai i capelli bianchi”, “hai le smagliature” o “che brutti piedi”. Tutti hanno dei difetti o delle parti del proprio corpo con cui si sentono meno a proprio agio, non per questo bisogna sottolinearli e screditare una persona. Oltre al corpo c’è di più e oggi bisognerebbe focalizzarsi maggiormente sui contenuti delle persone evitando di soffermarsi solo sull’aspetto fisico.

Chissà se in futuro Fedez e Luis inviteranno anche Paola Turani per parlare di bodyshaming. Sarebbe davvero un’idea originale e in linea con la filosofia del programma che propone contenuti freschi e interessanti conservando allo stesso tempo una certa serietà.