Da www.raisport.rai.it

L’Italbasket va a Tokyo: la Nazionale torna alle Olimpiadi dopo 17 anni

È un periodo d’oro per lo sport italiano. La nazionale di calcio sta incantando agli Europei; Matteo Berrettini (fresco vincitore al Queen’s) e Lorenzo Sonego hanno raggiunto gli ottavi a Wimbledon, torneo che non vedeva due azzurri così avanti dal 1955; la nazionale femminile di softball ha vinto per la dodicesima volta gli Europei; l’Italbasket che torna alle Olimpiadi dopo 17 anni. Oggi la copertina è proprio per loro, per i fenomenali ragazzi di Romeo Sacchetti, che sono riusciti in una storica impresa. Gli ultimi giochi olimpici per l’Italbasket, infatti, sono stati quelli di Atene 2004, quando gli azzurri conclusero al secondo posto.

La nazionale ha dato una grandissima prova di forza nel torneo preolimpico disputatosi a Belgrado. L’Italia era inserita nel gruppo B con Senegal e Porto Rico. A causa di numerose positività da Covid, tuttavia, la nazionale senegalese ha dovuto abbandonare il torneo, permettendo a Porto Rico e Italia di qualificarsi automaticamente alle semifinali. La partita del girone fra le due squadre già qualificate, comunque, si è disputata, con l’Italia che ha vinto per 90-83 contro Porto Rico.

In semifinale gli azzurri si sono trovati davanti alla Repubblica Dominicana. Una partita condotta con relativa tranquillità dall’Italbasket, che ha concluso con un netto +20, 79-59.

Il vero ostacolo che si è frapposto tra l’Italia e le Olimpiadi, però, si chiama Serbia. La nazionale padrone di casa è una delle squadre più forti a livello mondiale. Nonostante si sia presentata alla gara senza alcuni dei suoi uomini migliori come Jokic e Bogdanovic, la squadra era comunque un’avversaria temibile.

La partita dell’Italbasket, però, è stata pressoché perfetta. I ragazzi di Sacchetti sono stati sempre in controllo del match e sono stati quasi sempre avanti nel punteggio, con la Serbia che ha tentato una rimonta nell’ultimo quarto non andata a buon fine. Risultato finale: 102-95 per l’Italia.

Per l’Italia c’è stata grandissima precisione dal tiro, in particolar modo quello da 3, soprattutto grazie ad Achille Polonara. Il nuovo giocatore di Fenerbache, infatti, ha concluso la gara da MVP con 6/8 nel tiro da 3. Grandissima prestazione anche di Mannion, giovanissimo ma con un talento esagerato, autore di 24 punti, di Tonut e di Fontecchio, che hanno chiuso rispettivamente a 15 e 21 punti.

Da www.mobile.twitter.com

Un gruppo unito che voleva riconquistare l’accesso al torneo più importante di tutti dopo un lunghissimo stop di 17 anni, e l’ha fatto con merito. Ha già prenotato un posto anche Danilo Gallinari, assente da questo torneo preolimpico. Il gallo, qualora Sacchetti decidesse di portarlo, si è dichiarato pronto per queste Olimpiadi. Non ci resta che aspettare Tokyo 2021 allora, con la speranza di poter vedere gli azzurri vincere e farci divertire ancora!



Marco Nuzzo