La donna che racconta di essere stata violentata da un fantasma

In MONDO, social up by redazioneLeave a Comment

Doris Bither è stata una donna americana al centro di un grande mistero e del caso paranormale più documentato della storia.

Doris era una donna di circa 30 anni e la sua vita era un disastro: era una madre single di 4 bambini avuti con 4 uomini diversi, era alcolizzata e soffriva di problemi emotivi. Un giorno, nel 1974, si trova in un negozio di libri quando sente due uomini parlare di case infestate. Si avvicina quindi agli sconosciuti e gli dice che anche la sua casa è infestata. Doris non lo sapeva ancora, ma quegli uomini erano Kerry Gaynor, un ricercatore del paranormale, e il suo socio Dr. Barry Taff dell’Università della California, Los Angeles (UCLA).

I due si mostrarono interessati alla sua storia, ma dopo aver saputo le vicende della donna cominciarono ad avere dei seri dubbi sulle sue affermazioni. Decisero comunque di dare un’occhiata alla casa, che visitarono il 22 agosto 1974.

Una volta entrati videro che la casa era maleodorante, piena di spazzatura e di piatti da lavare. Doris non sembrava collaborare con i due ricercatori, che trattava con ostilità con grande stupore dei due. Dopotutto era stata lei a parlar loro delle infestazioni. Senza la sua cooperazione lo studio non poteva essere portato avanti, e i due ricercatori se ne andarono.

Qualche giorno dopo però il Dr. Taff ricevette una chiamata da Doris che chiedeva nuovamente aiuto perchè le cose stavano peggiorando.

Doris affermava che ci fossero 4 entità nella casa responsabili dei fatti paranormali.  Una di queste si vedeva abbastanza regolarmente ed era innocua. Era lo spirito di un anziano che era visto spesso dai bambini che, ormai familiarizzati con la sua vista, lo chiamavano “Signor Chi è”. I ricercatori cominciarono a notare i fenomeni di cui parlava Doris: piatti e pentole che levitavano, oggetti che si muovevano o venivano lanciati da forze invisibili. Quello che notarono subito era che non erano dei normali poltergeist, ma vere e proprie forze maligne che avevano cominciato ad attaccare fisicamente la famiglia. Le entità maligne erano tre ed aggredivano fisicamente i componenti della famiglia Bither, in special modo Doris che era vittima degli attacchi più violenti.

Se i bambini venivano spinti ogni tanto, Doris affermò che mentre due delle entità la tenevano ferma, la terza l’aveva violentata. 

Gaynor e il Dr. Taff faticavano a credere a questo racconto, ma dovettero ricredersi quando dei testimoni dichiararono di aver visto Doris venire schiaffeggiata  e colpita da qualcosa di invisibile e poi tirata e tenuta contro il muro.

Esaminata da un dottore, Doris presentava anche le ferite comuni di uno stupro.

Il Dr Taff organizzò dunque un gruppo di investigatori composto anche da fotografi professionisti e cameramen per documentare il caso. Dopo che vari giorni passarono senza nessuna manifestazione, Doris cominciò a urlare contro le entità per provocarle. Immediatamente una nebbia verde cominciò a pervadere il salotto e cominciò a formare il torso di un uomo, senza braccia nè gambe nè testa.  Purtroppo quando riguardarono il filmato, niente era rimasto impresso sulla pellicola e l’unica foto che è stata resa pubblica è quella di Doris seduta sul suo letto, con una luce ad arco che la sovrasta. Le ricerche terminarono, Doris non ricevette nessun aiuto per il suo alcolismo nè per i suoi problemi emotivi e decise di trasferirsi in Texas. Secondo quanto racconta suo figlio, morì nel 1995 per un problema polmonare.