L’ Iron Fist torna su Netflix inaugurando un nuovo format

Gabriele Fardella

In SPETTACOLO / Gabriele Fardella / Comments

Ad appena un anno e mezzo dal rilascio del primo ciclo di episodi è disponibile su Netflix la seconda stagione di “Iron Fist”, serie targata Marvel con protagonista Danny Rand interpretato da Finn Jones (Loras Tyrell ne Il Trono di Spade”).

Al termine della miniserie evento The Defenders, rilasciata nell’estate del 2017, il personaggio di Danny era ad un punto cruciale della sua vita. Sconfitta la Mano – setta di ninja di cui l’Iron Fist era il nemico giurato – il nostro protagonista raccoglie l’eredità di Matt Murdock come difensore di New York ma le nuove minacce provenienti dal suo passato sono pronte a tornare. Dopo la falsa partenza della prima stagione “Iron Fist” riuscirà a riscattarsi nel panorama seriale supereroistico?

Le premesse ci sono tutte! Innanzitutto con questa stagione Netflix riduce il numero di episodi da 13 a 10, e poco importa se lo ha fatto per dare retta al pubblico (che da tempo criticava il format a 13 episodi delle serie Marvel) o perché il progressivo allontanamento della Disney e dei Marvel studios dalla celebre piattaforma di streaming ha lasciato più margine di manovra (Disney rimuoverà a breve tutti i suoi contenuti, inclusi quelli targati Marvel, per spostarli su una piattaforma proprietaria ma dovrebbe lasciare a Netflix i diritti dei Difensori),  e il risultato è eccellente.

I rallentamenti e gli episodi filler che avevano martoriato le stagioni precedenti spariscono e il risultato è una narrazione rapida, semplice e lineare con una serie di plot twist che nel finale di stagione fanno venire l’acquolina in bocca ai fan più accaniti. Quelli meno fomentati invece si troveranno davanti un prodotto sicuramente interessante e non eccessivamente impegnativo che potrebbe lasciarli soddisfatti oppure no. Il marchio dei Marvel Studios fuori dalle sale cinematografiche non è garanzia di successo come testimoniano non solo alcune serie cancellate dopo una o due stagioni per bassi ascolti ma anche alcune produzioni dell’universo Netflix che non hanno catturato una fetta del grande pubblico.

Iron Fist” rientra proprio in quest’ ultima categoria quindi la sua grande sfida sarà proprio quella di riparare alle disavventure dell’anno scorso.

Se però avete già visto la seconda stagione di “Iron Fist” vi consigliamo di andare avanti nella lettura, dato che analizzeremo nel dettaglio alcuni argomenti SPOILER!!!!!

UN NUOVO IRON FIST

Il Fist, l’arma leggendaria al centro della prima stagione, tanto leggendaria non sembra poi essere. Solo pochi eletti hanno il potere di brandirlo ma in questa seconda stagione vediamo ben 3 personaggi utilizzarlo, senza considerare che due di essi lo utilizzano anche contemporaneamente.

Una scelta azzeccata? Presa singolarmente, a primo impatto può sembrare una pessima idea tuttavia gli ultimi minuti della stagione introducono un risvolto molto interessante legato all’Iron Fist, che a quanto pare può essere sfruttato anche tramite armi, siano esse da taglio come la spada di Colleen o da fuoco come le pistole di Danny. C’è tanto da spiegare e il salto temporale a cui assistiamo negli ultimi minuti di stagione mischia nuovamente le carte in tavola per quanto riguarda ciò che potremo vedere quando Danny Rand tornerà in azione. Dal momento che ad oggi non ci sono piani ufficiali per una seconda stagione di “The Defenders” l’attesa è tutta per un’ancora non annunciata terza stagione.

NESSUN RIFERIMENTO ALLA TRAMA ORIZZONTALE

Ci riferiamo alla macrotrama, quella che si intreccia tra le varie serie dell’universo Marvel-Netflix. Non c’è stato in Jessica Jones 2ne in Luke Cage 2 segno che effettivamente queste storie oltre che distaccarsi sempre di più dalle vicende degli Avengers (nessuna conseguenza del gesto di Thanos, l’unica cosa che ci ricorda che siamo nel MCU è la Sokovia teatro del passato di uno dei nuovi personaggi) stanno prendendo le distanze le une dalle altre.

Benvengano gli swap di personaggi vari e meglio ancora se a passare provvisoriamente da una serie all’altra sono i protagonisti, ma ognuno di loro deve difendere New York con le sue forze. I Difensori si stanno spartendo New York e per come vanno le cose non abbiamo nessun bisogno di “The Defenders 2”.

FAMIGLIE CONTROVERSE

È bello vedere il rapporto che è nato tra Ward e Danny dopo gli eventi della prima stagione, è bello vedere come Joy compia un cammino di redenzione nel corso di questa seconda stagione (anche se, quanta fatica!) ed è bello vedere come Davos sia consumato dal rancore, dall’odio e dal disprezzo che prova per Danny. È proprio sulla base del rapporto tra questi personaggi e il nostro protagonista che si poggia l’intera stagione; a fare da contraltare al legame fraterno tra Ward e Danny c’è l’odio incondizionato di Davos – suo fratello a Kunlun – per quest’ultimo e nel mezzo, vero e proprio ago della bilancia, c’è Joy che cinica e spietata come sempre passa da una parte all’altra facendo alla fine la scelta giusta.

Diciamo che per quanto interessanti possano essere, questi aspetti non fanno altro che alimentare le sempre più scomode somiglianze con la serie Arrow. Bene ma non benissimo.

QUALE FUTURO PER LE SERIE MARVEL SU NETFLIX?

È innegabile che le stagioni 2 di “Iron Fist” e “Luke Cage” abbiano lasciato aperte tutte le storyline più importanti e che di conseguenza ci sarà un seguito.

Come detto in precedenza i Marvel Studios con tutti i loro film lasceranno presto Netflix, cedendo però i diritti (quantomeno di distribuzione) alla celebre piattaforma di streaming.

Senza nessuna fonte ufficiale a supporto proviamo a giocare sul futuro delle serie Marvel-Netflix alla luce di quanto visto quest’anno e tenendo conto che al momento per il 2019 è prevista solo la seconda stagione di The Punisher”.

Con la Disney fuori dai giochi Netflix potrebbe spingere sull’acceleratore e puntare ad un rilascio annuale (o al massimo ogni due anni) di nuove stagioni per tutte e quattro le serie sfruttando così il potenziale che deriva da un universo narrativo ormai ricco di personaggi principali e secondari che interagiscono tra loro senza dover per forza dar vita ad eventi crossover.

A proposito di The Defenders tutto tace riguardo ad una nuova stagione segno che forse una nuova riunione dei Difensori avverrà solo quando sarà il momento di chiudere il cerchio delle loro avventure.