Intervista a Luci al Neon, il power pop trio al femminile della musica italiana

Che il girl power sia imperante è scritto dappertutto. Ma siamo già oltre. Se non stupisce più la donna in divisa, o a capo di un Ministero, si può andare ancora più in là per superare gli stereotipi di ruolo. Le mani sul manubrio (della Kawasaki) oggi portano lo smalto. Basti citare il ritornello del nuovo singolo del power-pop trio al femminile Luci al Neon per cogliere l’essenza del messaggio: “Io corro nel buio e non mi guardo indietro, mentre mi abbracci da dietro, baby rallenta ti prego”.

Le abbiamo intervistate, ci hanno raccontato del loro nuovo singolo Kawasaki e di tutti i pregiudizi legati alle donne che ancora dobbiamo superare. Queste ragazze puntano a farci ballare!

Come nasce il progetto LUCI AL NEON? 

Il trio nasce dall’esigenza di condividere, raccontare e trasfondere in musica ambizioni, delusioni e sensazioni dell’essere giovani donne, il tutto con una spontaneità moderna e dirompente. Il nome d’arte nasce nel periodo più buio e disilluso del lockdown, dove tutto sembrava spento, poco nitido e nulla brillava come prima. Riaccendere le luci è stata una necessità per ripartire con entusiasmo + al Neon perché “We love Fluo”!

Siete un trio molto completo, strumentiste e autrici dei vostri pezzi, raccontateci come è nata la vostra passione per la musica?

Ognuna di noi ha vissuto questa passione partendo dai più svariati motivi. Sicuramente ciò che ci accumuna di più è la voglia sfrenata di liberare le proprie emozioni, con quella forza comunicativa che solo la musica ti può dare.

Come nasce Kawasaky e la collaborazione con Leo Pari?

Kawasaki nasce a 4 mani proprio con Leo Pari, artista e produttore spaziale, con cui è nato da subito un feeeling pazzesco. Il sound è stato plasmato intorno ai nostri gusti musicali, con influenze elettroniche e richiami agli anni ‘80 che tanto ci piacciono.

Vivere in libertà e all’insegna del divertimento, il messaggio pregnante del nuovo singolo che immaginiamo già cantato mentre si è in macchina. Cosa rappresenta per voi questo messaggio?

È un must indispensabile alla sopravvivenza. Libertà e leggerezza ti consentono di ritrovare quell’equilibrio che spesso perdiamo a causa dei mille stress e delle troppe tensioni che viviamo nel quotidiano.

Siete un power pop trio al femminile, una novità per il panorama musicale. Avete deciso di sfatare molti miti, cosa avete in progetto ora?

Stiamo lavorando ad altri brani che usciranno prossimamente e confluiranno in un Ep di inediti. In autunno metteremo in piedi il nostro primo live tour nei locali e, finalmente, accenderemo LE LUCI, cercando di diffondere la nostra musica porta a porta!



Claudia Ruiz