Idea regalo di Natale: l’ultimo libro de “Il Baffo” e i graphic novels

Tante volte i giovani d’oggi fanno fatica a descrivere e mostrare le proprie emozioni, siano esse positive o negative. Tante volte capita di tenere tutto dentro per timore di non essere compresi, capiti.

La pensa così anche Giulio Mosca, conosciuto su Instagram come Il Baffo dove conta più di 400mila followers, che è approdato il libreria con “ Le poesie si possono disegnare”. Una raccolta di versi e aforismi illustrati, attraverso il quale dà forma e colore a quelle sensazioni a cui spesso l’uomo non sa dare un nome. La forza di un’amicizia o di un amore, la paura del futuro, l’euforia di un traguardo.

Non è la prima volta che il Baffo si cimenta in cose di questo tipo. Nel 2017 esce la sua prima graphic novel intitolata “La Notte dell’Oliva”  in cui raffigurava se stesso: un ragazzo tutto blu con un baffo rosso, che riflette sull’amore, sul sesso, sul futuro, sulla vita in generale. Nel 2018 pubblica altri due libri in fumetti: “Sublimi banalità quotidiane” e “La fine del mondo di qualcun altro”.

Tempo fa si pensava al fumetto come prerogativa esclusiva dei bambini. Come qualcosa che semplicemente li aiutasse a comprendere le forme e distinguere i colori. E chi di loro si appassionava al genere era un caso raro. Fortunatamente, anche grazie ad alcuni titoli di successo, la percezione è cambiata. Oggi si nota una maggiore curiosità verso nuove proposte e una continua sperimentazione da parte di autori e illustratori.

Con l’intenzione di porsi come una piccola guida, vi mostriamo alcuni titoli da segnare.

-Basta un attimo per tornare bambini.

Il libro di Enrico Galiano che torna in libreria, questa volta non con un romanzo, ma con un libro illustrato. Accompagnato da Sara Di Francescantonio raccoglie trenta pensieri illustrati per il bambino che è in tutti noi. Quando si cresce, ci si convince di non essere più in grado di trovare la magia dei primi anni e di poterla assaporare. Ma a volte basta pedalare a perdifiato in una discesa con le braccia aperte o salire su una giostra, o ancora cantare allo specchio. Bastano piccoli gesti che si possono compiere ogni giorno, e che creano attimi pieni di risate, felicità e libertà. E’ un libro per tutti quegli adulti che a volte sentono l’esigenza di ritornar bambini.

-Negativa.

L’ultimo lavoro di Alessandro Baranciani, che fa un passo indietro, quando a caratterizzare foto e ritratti fossero solo due colori: il bianco e il nero. Quello che rappresenta è una storia horror di cui Stella è la protagonista. Una ragazza che da sempre è stata sotto i riflettori ma la sua vita viene sconvolta, ad un tratto, da una serie di morti che la metteranno dinnanzi alla parte di sé che ogni essere umano cerca di nascondere.

-Papaya Salad.

Il libro d’esordio di Elisa Macellari, che racconta un viaggio, nello spazio e nel tempo, attraverso la figura di Sompong. Un uomo pieno di sogni e ambizioni che si intreccia alla grande guerra, tra Europa e Thailandia e che arriva al cuore del lettore.

Chi non ha mai provato questo genere non ne è incuriosito, eppure potrebbe essere una valida alternativa al classico maglione a rombi o la solita sciarpa. Non credete?