“Cats”: un musical dell’Operà Populaire

Recentemente si è svolto il musical “Cats” al Teatro Condominio di Gallarate. Erano le 21 del 25 marzo quando l’Operà Populaire, una compagnia musicale di Agrate Brianza, ha messo in scena uno spettatolo indimenticabile, dando due ore di intense emozioni agli spettatori.

Ma che cos’è “Cats”? In due atti, viene raccontata la trama delle poesie di Thomas Eliot, un poeta inglese. La raccolta, intitolata “Old Possum’s Book of Practical Cats” (reso in italiano come “Il libro dei gatti tuttofare”), è una sorta di indagine sulla psicologia felina con risvolti sociologici: ogni personaggi è infatti un gatto umanizzato che si comporto in maniera bizzarra.

Come ogni anno, i gatti del quartiere di Jellicle si riuniscono per celebrare il loro capo, Old Deuteronomy.
E’mezzanotte e come per magia si viene catapultati in una Londra vittoriana, in una vecchia stazione abbandonata. In occasione di questa sera, verrà scelto un gatto che avrà il privilegio di ascendere nel paradiso dei gatti. Pian piano ogni gatto si presenta, ciascuno in uno spezzone divertente. La presentazione dei personaggi felini è però interrotta da due eventi.

Verso la metà del primo atto, compare Grizabella, una gatta dal passato glorioso che però ora è caduta in rovina dopo aver lasciato la tribù dei gatti. Tutti la guardano con diffidenza, come se su di lei sia scagliato un qualche anatema. Grizabella è rimasta sola e invano cerca di reintrodursi nella comunità. Invece, a metà del secondo atto, la rassegna dei gatti è interrotta dall’arrivo improvviso di Macavity, un gatto malvagio che decide di rapire Old Deteronomy. Il “Napoleone del crimine” – così è stato soprannominato Macavity – alla fine viene sconfitto combattendo con gli altri gatti maschi. Innervosito, come per magia sparirà, ma il capo della comunità felina sembra definitivamente sparito…

Per tale ragione, i gatti si riferiscono preoccupati ad un mago, Mr. Mistoffelees, per far ricomparire il loro capo. Assistito dall’affascinante gatta Cassandra, il magico gatto, fra balzelli e divertenti giochi di magia, riuscirà a far riapparire Old Deuteronomy, fra l’ilarità di tutti i gatti! Finalmente i festeggiamenti possono continuare, ma siamo ormai arrivati alla fine del musical e improvvisamente ricompare Grizabella che vuole a tutti i costi essere reintegrata nella tribù dei gatti. Per spiegare le ragioni del suo disagio intona il pezzo più famoso del musical, “Memory”, rivolta alla Luna mentre i gatti la ascoltano assorti. Colpiti dalla sincerità e commossi dal dolore di Grizabella, insieme ad Old Deuteronomy decidono che sarà proprio Grizabella ad ascendere al Dolce Aldilà. E così, come per magia, il vecchio orologio della stazione si apre magicamente e Grizabella scomparirà, fra la nebbia, nel nulla…

Ma “Cats” di Operà Populaire è anche originalità: ecco perché questo è, in fondo, un “loro” musical. Infatti, dopo aver accuratamente studiato la preparazione del musical (trama, costumi, tendenze del teatro moderno, influenze cinematografiche e fumettistiche), il Direttore artistico di Operà Populaire Stefano Mapelli ha proposto all’Editore “The Really Useful Group Ltd” qualcosa di diverso. Qualcuno che magari conosceva già il musical avrà pensato che l’ambientazione nella Londra dell’800 potesse essere un errore: e invece no perché è qui che sta la novià. Novità che introduce uno stile Steampunk di una vecchia stazione anziché il classico stile Punk Glamour della discarica. Ecco quindi perché gli ingranaggi la fanno da padrone nella scenografia e nei volantini! Ma che cos’è esattamente questo “Steampunk”? Lo stile è fantascientifico e prevede l’introduzione di tecnologia anacronistica all’interno di un ambientazione storica: nella fattispecie, ogni strumento è azionata dalla forza motrice del vapore (steam in inglese), in un epoca ben lungi dall’energia elettrica!

Originalità e bravura che però è anche evidente nell’abilità dei truccatori e dei musicisti, artisti a loro modo sono stati un tassello imprescindibile per l’ottima realizzazione dello spettacolo. Bravi tutti, quindi!

Non è solo un musical divertente, è anche un musical che, dalla bizzarra prospettiva dei gatti, insegna il rispetto reciproco, privo di qualsiasi intrinseco moralismo: è proprio nel finale che Old Deuteronomy, rivolgendosi agli spettatori umani, ricorda che è opportuno trattare i gatti con gran rispetto per conquistarsi la loro fiducia. E in effetti visto il comportamento menefreghista di questi animali domestici potremmo ben crederci!!! Scherzi a parte: siete ancora in tempo per assistere a questo bellissimo rifacimento del musical “Cats”: infatti, Operà Populaire vi aspetta a Monza al Teatro Manzoni, in Via Manzoni 23, sabato 6 maggio alle ore 21.00 e domenica 7 maggio alle ore 17.00. Cosa aspettate? Prenotate subito i biglietti per non perdervi una serata all’insegna del divertimento e dell’originalità. Seguite Operà Populaire sulla sua pagina Facebook e sul loro sito web.

A questo link troverete il trailer dell’imperdibile musical! Non mancate!



Andrea Colore