Caravaggio mostra

Caravaggio oltre la tela: il pittore maledetto come non l’avete mai visto

Lucrezia Vardanega

In ARTE / Lucrezia Vardanega / Comments

Con Caravaggio oltre la tela a La Permanente di Milano fino al 27 gennaio avrete l’opportunità di immergervi nella travagliata vita di Caravaggio, l’artista più oscuro e misterioso della storia dell’arte.

Una mostra immersiva che diventa un racconto tridimensionale in grado di far viaggiare lo spettatore nel tempo e nello spazio attraversando la vita del Caravaggio una stanza dopo l’altra. L’ambientazione comincia subito nelle prime stanze del percorso con un giovanissimo Michelangelo Merisi che fugge con la famiglia da Milano, infestata dalla peste, per rifugiarsi a Caravaggio.

In viaggio con Caravaggio

Corre l’anno 1584 quando Merisi, che ha già nel cuore l’orrore della morte, torna a Milano per formarsi nella nella bottega dell’artista Simone Peterzano, a sua volta allievo del veneziano Tiziano. Da qui, camminerete per i vicoli più loschi di Roma dove il Caravaggio trascorreva la notte a giocare il suo stipendio tra scommesse e prostitute; incontrerete personaggi illustri quali Galileo Galilei, Papi e cardinali che si contesero le opere di Merisi o le additano come blasfeme e impudiche; attraverserete il mare aperto fino a Napoli  per poi sbarcare sulle coste di Malta fuggendo dagli strozzini; sentirete il freddo e la paura di dormire per strada, coperti di stracci, come il Caravaggio fuggiasco e assassino senza fissa dimora degli ultimi anni di vita.

Caravaggio oltre la tela: mostra immersiva a La Permanente di Milano

Genio e follia

Ma avrete anche la possibilità di conoscere la genialità di questo artista unico ed inimitabile; un uomo che non ha avuto paura di osare, trascinando dal cielo alla terra santi e madonne dei dipinti ecclesiastici per riportarli alla dimensione umana. L’ispirazione di Caravaggio è la strada, la quotidianità, l’imperfezione dei volti delle voluttuose donne dei bordelli di quartiere e le rughe profonde degli uomini che lavorano notte e giorno per sopravvivere alla miseria e alla desolazione. Le ombre della sua esistenza tormentata sono le stesse dei suoi dipinti sempre in penombra, con luci naturali che illuminano il buio e delineano i contorni delle figure, lasciando intuire allo spettatore tutto il resto. E’ per questo che il Caravaggio viene tutt’ora designato come il primo ”fotografo” della storia, in grado di cogliere i momenti di massima tensione del racconto con una tecnica di magistrale verosimiglianza.

In pochi sanno che Caravaggio oltre la tela è anche un’occasione unica per conoscere molti dipinti inediti e mai stati esposti al grande pubblico perché in possesso di privati, oppure perché inamovibili dalla loro sede a causa della loro fragilità o ancora perché andati perduti. Tra questi, Giove, Nettuno e Plutone, dipinto nel Gabinetto alchemico del Cardinal del  Monte – oggi Villa Boncompagni Ludovisi – l’unico esempio di pittura murale del Caravaggio.

Dipinto murale del Gabinetto Alchemico del casino Ludovisi

Dall’idea alla realizzazione: la nascita di Caravaggio oltre la tela

A dare vita a questo percorso lungo tutto la vita del Caravaggio, un grande team di più di 50 esperti provenienti da 5 paesi nel mondo: curatori, registi, architetti, scenografi, sceneggiatori, attori, musicisti, performers, effettisti, maghi del 3D mapping, cineasti, si sono uniti per creare un percorso didattico ed emozionale che coinvolgesse lo spettatore per tutto il viaggio.

Una sfida vinta anche grazie all’uso delle più innovative tecnologie, come l’inserimento di 16 video proiettori laser di ultima generazione e una macchina da presa Phantom V640 con sensore da 4 megapixel al secondo che consente un velocità di fotogramma a piena risoluzione di oltre 2700 fotogrammi al secondo. Dopo più di 360 ore di girato e 3.000 ore di post produzione, Caravaggio oltre la tela si rivela un ambizioso e magistrale progetto per avvicinare alla conoscenza dell’arte giovani e adulti, appassionati e curiosi e chiunque voglia imparare in modo innovativo e coinvolgente.

Bacchino Malato – Ragazzo morso da ramarro – Bacco adolescente

MondoMostre Skira è la società ideatrice dell’iniziativa, prodotta da NSPRD per Experience Exhibitions e curata da Rossella Vodret con il Patrocinio del Ministero dei beni Culturali e del Turismo.

La mostra è aperta tutti i giorni dalle 9:30 alle 20:00 (giovedì, orario prolungato fino alle 22:30), il biglietto costa 14 Euro (ridotto 12 euro – gratis per i bambini con meno di 6 anni – agevolazioni per famiglie e gruppi numerosi).