Elogio delle castagne: i mille pregi di un frutto autunnale

In SALUTE, SCIENZE, social up by Silvia D'AmicoLeave a Comment

Nelle fredde serate degli ultimi giorni d’Autunno, quando il soffio gelido dell’Inverno ci investe, e con esso lo Spirito Natalizio, non è raro cedere al desiderio di un bicchiere di vino rosso e di caldarroste.  La castagna rappresenta, infatti, il prodotto autunnale per eccellenza, nonché un ingrediente di indubbia versatilità. Oltre a rappresentare un ottimo modo per appagare il palato, essa presenta innumerevoli proprietà che fanno comodo in vista dell’inverno. Scopriamole insieme!

Quella che comunemente chiamiamo castagna, non è altro che il seme dell’albero noto come Castanea sativa. Al contrario di quanto si possa essere portati a pensare, infatti, il frutto del castagno non è ciò che abitualmente consumiamo, bensì il riccio coperto di spine. Come ogni seme, la castagna ha un elevato contenuto energetico, oltre ad un  gran numero di sostanze nutritive, che in natura sono necessarie al sostentamento della giovane pianta fino al momento in cui la stessa diventa in grado di crescere sfruttando i sali minerali del suolo e la fotosintesi. Proprio questa caratteristica rende la castagna un alimento fortemente calorico, indicato nei casi in cui sia necessaria una dieta ricostituente.

Non è priva, tuttavia, di sali minerali e vitamine, in particolare fosforo, potassio, vitamina B2, PP e acido folico. Il ruolo del potassio nell’eccitabilità muscolare è conosciuto da tutti, una prova lampante di esso è rappresentata dal continuo manifestarsi di crampi in presenza di una dieta che ne è povera. Meno nota, forse, è l’importanza del fosforo, un macroelemento fortemente presente in tutto il nostro organismo, dal DNA, alle proteine, alle molecole predisposte al trasporto dell’energia all’interno del corpo.  La vitamina B2, o riboflavina, è fondamentale per la corretta salute di pelle e mucose, la PP, o niacina, è coinvolta in numerosi processi cellulari, non è un caso che la sua carenza causi una grave sindrome nota come pellagra. Per quel che riguarda l’acido folico, o vitamina B9, le neomamme ricorderanno la sua grande importanza in gravidanza. Esso, oltre a contribuire al corretto sviluppo del feto, è importante per la sintesi dell’emoglobina e delle proteine e contribuisce alla prevenzione di malattie cardiovascolari, ragion per cui fa bene a tutti e non solo alle donne in dolce attesa!
Non dimentichiamo che la castagna non contiene glutine, perciò rappresenta senza dubbio un valido alleato per chi è affetto da celiachia, ed ha un elevato contenuto di fibre ed un ridotto indice glicemico, cose che la rendono un’ottima alternativa alla farina bianca durante le diete.

Le proprietà benefiche delle castagne, tuttavia, non si limitano all’alimentazione. L’acqua rimanente dalla loro bollitura, infatti, può essere impiegata dopo lo shampoo, a mo’ di maschera. Ha, infatti, proprietà emollienti e ravviva i riflessi dei capelli chiari. La polpa cotta del frutto, invece, viene impiegata nei centri estetici per la preparazione di maschere per il viso dal potere astringente.

Ogni stagione ha i suoi prodotti, ogni prodotto delle peculiarità che dovremmo conoscere e sfruttare al meglio. Approfittate delle ultime castagne della stagione, dunque, e fatene buon uso!

About the Author
Silvia D'Amico

Silvia D'Amico

Twitter LinkedIn

Da quando è nata ha progettato di svolgere almeno 10 professioni diverse, ma tutte legate alla scienza. Per caso o per scelta, è una Biologa Molecolare appassionata di divulgazione ed impegnata nella rincorsa di un PhD. Responsabile della Redazione Scienze di Social Up, collabora con l'Associazione di Divulgazione Scientifica ScienzImpresa, con base a Roma. Fotografia, Cinema, Vino e buon Whisky fanno da giusto accompagnamento a buoni libri da sfogliare nel tempo libero.