Prisma: l’app che trasforma le foto in un capolavoro

Da quando abbiamo la possibilità di scattare foto con i dual pixel, photoshoppare con facetunes e immortalare con la lente a fisheye da apporre direttamente sulla fotocamera dello smartphone, diciamoci la verità, ci crediamo tutti un po’ Annie Leibovitz. Crediamo di essere fotografi veri, troppo pigri per sfondare davvero, ma con un gran talento nascosto. E se vi dicessimo che ora potreste diventare anche grandi pittori?

E no, non dovrete prendere un vero pennello e delle tempere, vi basterà utilizzare il vostro smartphone e scaricare l’app che ha registrato oltre il milione di download in 10 giorni. Si tratta di Prisma, creata in Russia da Alexei Moiseenkov e lanciata lo scorso 11 Giugno sul mercato, un’ applicazione che permette di trasformare ogni tua foto in un quadro. Funziona in modo molto semplice: si fa partire il download, completamente gratuito e solo compatibile con IOS mobile (per ora), si lancia l’app che permette di scegliere se scattare una nuova foto o caricarne una dalla galleria e a quel punto viene proposto un taglio, ci si applica sopra il movimento pittorico che più esprime il vostro stato d’animo e naturalmente si propone la condivisione nei vari social network. Prisma non funziona come i filtri delle varie app di photo editing, ma rielabora l’immagine sulla base di un algoritmo costruito dalle reti neurali. Immaginate di potere trasformare il vostro selfie pre-lavoro in un quadro del cubismo gotico di Cézanne, il paesaggio della casa in campagna nel surrealismo di Chagalle o nell’astrattismo di Kandisky. Ogni momento immortalato e condiviso assumerà una poesia e riempirà di significato anche i bath-selfie. Per non parlare della foto-profilo: dirà ancora di più su di voi e sul vostro spiccato senso dell’arte, o almeno su quello apparente, che in fondo è il principio cardine della vetrina social. Ma con questa app è possibile anche trasformare il vostro gatto in un manga o il vostro procione in un supereroe della Marvel.

Prisma, a quanto dice il creatore in un’intervista rilasciata a StartupItalia!, si ritiene sorpreso del risultato ed ammette che la sua creazione debba essere perfezionata in quanto è nata in 45 giorni e presenta alcuni bug; questo è giustificato dal fatto che abbia battuto i risultati di app come Instagram e Msqrd, nonostante il team fosse composto da sole 4 persone; siamo in attesa che vengano inseriti altri artisti, le animazioni ed i video.

Un po’ della serie: prendi l’arte e usala sullo smartphone.



Aurora Erbì