AUCKLAND, NEW ZEALAND - DECEMBER 19: Emirates Team New Zealand against Luna Rossa Prada Pirelli Team during the final race in the PRADA America's Cup World Series on Auckland Harbour on December 19, 2020 in Auckland, New Zealand. (Photo by Phil Walter/Getty Images)

Luna Rossa: è 1-1 nella prima dell’America’s Cup

“Non perdete l’occasione di realizzare un sogno.”

Queste sono le parole che Max Sirena, skipper e team director della squadra di Luna Rossa, ha scritto ai suoi qualche sera fa. Una frase che spiega tutto, che dice tutto. La posta in gioco è impensabile, è il trofeo più ambito, quello che l’Italia non ha mai vinto. Vincere la Coppa America è il sogno da realizzare, per Max Sirena, per Checco Bruni (uno dei due timonieri), per tutto il team, per tutti gli amanti di quello sport.

Siamo partiti da sfavoriti, è vero. Il team neozelandese di New Zealand è il nemico da battere. Un nemico forte, anzi fortissimo. E la gara si gioca in “casa” loro, anzi nel loro mare. Ma Checco Bruni ed i ragazzi del team lo hanno promesso: “Faremo il possibile e l’impossibile per portare a casa la Coppa America“.

La prima regata

Se la aggiudica il team neozelandese, ma Luna Rossa non è comunque sembrata molto più lenta rispetto alla barca dei kiwi. Già la partenza, parellela per le due barche, è da brividi. Luna Rossa prova a prendere una penalità ma nulla. 120-125 metri il vantaggio di New Zealand rispetto a Luna Rossa al primo bordo. Il distacco è pochissimo. Al Second leg la distanza tra le due arche aumenta. 350 metri. Ma considerate che, con questo tipo di imbarcazioni, è quasi nulla. L’impressione è che “di poppa”, la barca dei neozelandesi sia più veloce di Luna Rossa. Pian piano, la distanza si riduce. Il vento non è stabile sul campo di regata. All’ultima poppa Luna Rossa guadagna due secondi, ma non è abbastanza. New Zealand si aggiudica la prima regata di Coppa.

La seconda regata

I nostri ragazzi non si sono fatti abbattere dalla prima sconfitta, anzi hanno tirato fuori tutta la grinta. Già dalla partenza Luna Rossa chiude la barca dei neozelandesi. E così vanno avanti per i primi 4 bordi. Nell’ultima bolina il team di New  Zealand ci prova in tutti i modi a recuperare, mentre il distacco tra le due barche si riduce i nostri mantengono il sangue freddo e se ne vanno. Passano il traguardo e portano a casa la prima vittoria. Una vittoria importantissima. Non solo per il risultato ed il punto portato a casa, ma soprattutto perché contro i neozelandesi non solo si può regatare, ma si può anche vincere.

Spithill e il suo grandissimo traguardo

Dopo la vittoria di ieri sera, Jimmy Spithill (il secondo timonieri di Luna Rossa) è l’uomo, in 170 anni di storia, ad aver vinto il maggior numero di regate in Coppa America, superando il mito Russell Cutts.

Si torna in acqua venerdì, poi due regate al giorno finché non si arriva a sette, e non si vince la Coppa più ambita.

Buon vento, ragazzi, siamo con voi!



Sharon Santarelli