La classifica delle 10 birre più strane al mondo

Ebbene sì, è pura realtà: ormai la birra, più è strana, più è bona! Quello che ci resta da fare? Viaggiare per ogni continente e trovare le birre più strane al mondo!

Sembra che questo 2019 sia stato l’anno della rivincita degli alcolici. Chi più ne ha, più ne metta: in qualsiasi parte del mondo sono spuntate nuove geniali idee che hanno rinnovato l’idea dei banali cocktail e le hanno svecchiate per renderle appetibili alle nuove richieste di un mercato molto Millenials. Il whisky è stato racchiuso in capsule, la birra in bottiglie che riprendono serie tv e altre ancora forgiate tramite ingredienti sempre più particolari. Insomma, ormai lo “strano” è considerato bello e chi siamo noi per sottrarci a questo pensiero? Eccovi quindi la classifica delle più strane birre al mondo: bere per credere!

1. Birra aromatizzata agli escrementi di zibetto

Uno dei più costosi caffè al mondo è proprio quello ottenuto dalla digestione ed evacuazione dei chicchi di questa pianta da parte di un piccolo animale. Viene chiamato “civetta delle palme comune” ed è diffuso nell’Asia sud-orientale. Di questo piccolo animaletto esistono veri e propri allevamenti costruiti con l’obiettivo di produrre questa bevanda così particolare. Difatti, è usanza dare da mangiare bacche di caffè verde (non ancora maturo) agli zibetti, i quali, grazie alla loro digestione, mettono in atto il processo di fermentazione. Una volta evacuati, questi chicchi, vengono opportunamente lavati e infine utilizzati nella produzione di questo caffè così costoso.

Per la birra vengono impiegati più o meno gli stessi passaggi. Il gusto? Ci permetteremmo di dire “particolare”, quanto unico. Provare per credere!

2. Birra all’avocado

In più questo 2019 lo ricorderemo, tra le tante cose, anche per il boom che ha fatto l’avocado in tutte le sue salse: dalle ricette mangerecce alla cosmesi, passando anche per l’agricoltura. Tutt’oggi, l’Italia e in particolar modo la Sicilia, sono diventate ottime produttrici di quel frutto verde così instagrammabile da risultare ogni volta perfetto.

A questo punto il connubio birra e avocado è ben presto che fatto. D’altronde il genio che se n’è uscito con la birra all’avocado ha trovato un tesoro senza fare il minimo sforzo. Ha preso due tra i alimenti più famosi del 2019 e ci ha fatto un nuovo prodotto. Se proprio dobbiamo confessarvelo, è anche molto buono!

3. Birra aromatizzata alla carne

Di suino

Beh, che dire, di questa qualità ne esistono davvero di tante tipologie. Vi potremmo parlare di questo alcolico realizzato tramite la fermentazione con ossa e testa di una famosissima razza di suino: la Mangalica ungherese. Attenzione: potrebbe darvi alla testa (in tutti i sensi)!

Di capra

Un altra birra molto conosciuta nel mondo é quella ottenuta tramite la macerazione del cervello affumicato di capra e mirtilli con una Pale Stout (scurissima e dal carattere molto deciso).

Di toro

In questo caso specifico, ad essere utilizzati sono i testicoli di questo animale. Oltre a questi due ingredienti (intendiamo anche il luppolo), vengono utilizzati ben sette diversi malti, sale marino e orzo tostato.

Di balena

Ma non ne era vietata la caccia? Con questo interrogativo vi lasciamo, visto che questa birra è ottenuta proprio dall’infusione dei testicoli di questo mammifero. Quello che è certo, è che con un singolo esemplare, le bottiglie prodotte saranno davvero tante.

4. Birra ai 24 carati

Nell’antichità si diceva che bere oro allungasse la vita terrestre e potesse migliorare le condizioni di quella ultra terrena. Per questo motivo, molti imperatori o re, si facevano preparare intrugli a base di questo metallo prezioso dai propri “farmacisti”. É altrettanto noto come in realtà, non trattato correttamente e non edibile, questo materiale tenda ad uccidere le persone. Fortunatamente nei secoli la situazione é migliorata. Bere birra aromatizzata all’oro oggi é possibile e non ne consegue alcuna controindicazione (se non quella di una sbronza certa alla 4 bottiglia)!

5. Birra tutta italiana

Viene soprannominata così questa bottiglia, che di normale in realtà ha ben poco. Viene maniacalmente aromatizzata con pomodoro, basilico e aglio. Insomma, una vera e propria pizza liquida formato 33 cl.

6. Birra al latte

No, purtroppo la presenza di un latticino non incide sulla gradazione alcolica: alias, non è somministrabile ai minori (come ai vostri figli per farli addormentare). Quello che però è sicuro secondo i consumatori, è che il latte non influisce minimamente a livello gustativo. “A che servirà?” Vi starete sicuramente chiedendo. Sinceramente non lo sappiamo neanche noi. In Giappone, però, ne vanno pazzi!

7. Birra alla barba

Si, avete capito perfettamente: per aromatizzare questo alcolico viene utilizzata la barba. Non una peluria qualunque, però! Quella proveniente direttamente dal proprietario dell’azienda che la produce, mica poco. Hanno studiato, infatti, come all’interno della barba di questo signore sia presente una famiglia di lieviti completamente sconosciuti al mondo e considerati perfetti per la produzione di questo nettare. Conati di vomito a parte, vi sfidiamo ad assaggiarla!

8. Birra alla pizza e soldi

Viene dalla Norvegia ed impersonifica perfettamente gli hobby preferiti di questa popolazione: mangiare pizza e guadagnare soldi. Proprio con un pensiero del genere, il birrificio più famoso di queste terre ha ben pensato di produrre una bionda così particolare. Se le monete vengono poste in infusione al momento della la macerazione con il luppolo, la pizza (necessariamente surgelata) viene posta durante la bollitura. Insomma, una vera bontà, peccato dover andare fino in Norvegia per poterla assaggiare!

9. Birra all’acqua di mare

Proviene dal Mediterraneo, esattamente nel luogo dove l’acqua viene considerata più incontaminata (coste Spagnole). Di fatto, l’acqua prelevata viene desalinizzata e filtrata prima di essere utilizzata nella produzione. La prossima volta che deciderete di andare in vacanza, magari, optate per queste lande così speciali.

10. Birra allo sciroppo d’acero e bacon croccante

Chiudiamo con qualcosa di magari più “piacevole”, rispetto a ciò che vi abbiamo elencato fino ad adesso. Questa birra infatti è un’idea tutta americana (potrebbe essere altrimenti?) e ha fatto il boom tra chi ama i fast food. Il connubio? Ovviamente dolce/salato!

E voi avete sentito mai parlare di birre più strane al mondo?



Alessia Cavallaro