Intervista a Ron Gallo: “Peacemeal” è il nuovo progetto discografico

Ron Gallo è davvero un artista difficile da inquadrare per la sua poliedricità e voglia di sperimentare. Il 5 marzo ha rilasciato “Peacemeal”, il suo nuovo disco. Le nuove canzoni viaggiano su sonorità R&B e neo-soul e, inoltre, in tutti i brani vi è anche la moglie Chiara che ha contribuito al disco, suonandoci.

In occasione dell’uscita dell’album, abbiamo intervistato Ron Gallo che ci ha raccontato di “Peacemeal” e di come sta vivendo la pandemia.

Salve Ron, piacere di conoscerti! Il 5 marzo è stato pubblicato “Peacemal”, il tuo nuovo album dopo cinque anni dall’ultimo. Cosa è accaduto nel mentre?

Ciao! Ho davvero bruciato quasi quattro anni in tour così ho preso del tempo libero a giugno 2019. Il piano era di stare in Italia con Chiara per una lunga vacanza, ma è andato in frantumi per la roba dei visti così sono ritornato negli Stai Uniti e, durante quel tempo, mi sono isolato in casa mia e ho iniziato a fare musica che è diventata “Peacemeal”. Chiara e io ci siamo sposati all’inizio del 2020 e poi quasi subito siamo andati in lockdown per la pandemia. Così ho mangiato nove pasti al giorno, logorato un sacco di tute, iniziato una linea di vestiti davvero carina e un sito e ho provato a mantenermi in salute e in pace per la maggiorparte. Infine, sono tornato nella mia patria di Filadelfia poche settimane fa.

“Peacemeal” è il tuo nuovo album. Perché hai preferito questo titolo?

È una sorta di stupido gioco di parole come lo sono di solito i miei titoli. Questo titolo si riferisce al frammento, alla mash mash way nella quale è fatto ma anche riferendosi alla pace che ho trovato durante il processo e come questo album sia il più felice che io abbia mai registrato.

Qual è il messaggio del disco?

Il messaggio è abbracciare se stessi, l’evoluzione, distinguersi, distruggere le aspettative e i limiti e non avere paura della gioia.

Quali sono le cazoni più rappresentative di questo album?

Probabilmente “HIDE (MYSELF BEHIND YOU)” e “CAN WE STILL BE FRIENDS?”

Pandemia e musica. Come hai vissuto questo periodo?

Perfortuna, Chiara e io lo viviamo insieme. Ho vissuto molto semplicemente comunque, come molti. E in ogni caso non è stato tutto così male. Mi sveglio alle 5 del mattino, mangio i pasti in orari normali e provo ad essere grato per le piccole cose. È stato difficile provare e mantenersi musicalmente: come le nostre gambe sono tagliate suonando dentro una camera su internet. Ma mi ha fatto diventare più creativo in altri modi, penso.

Cosa ti auguri per il 2021?

Che una nuvola degli ultimi anni sta iniziando a pulire. Come fosse un segno di speranza di agganciarsi. E con questo, voglio solo augurarmi che i prossimi mesi siano in salute con la speranza di fare il vaccino e ricominciare a vedere il mondo di nuovo. Primo progetto: ritornare in Italia per la prossima estate.



Sandy Sciuto