Il nuovo volto di Roma antica

In #Focus by Claudia RuizLeave a Comment

Ansa.it

Ansa.it

La città eterna non smetterà mai di stupirci; proprio quando pensavamo di conoscere la sua storia, ecco che una scoperta rimette in discussione tutto. Nel VI secolo a.C., negli anni del re Servio Tullio, Roma era più ampia e urbanizzata di quanto abbiamo creduto fino ad ora. Sul colle del Quirinale, che secondo gli studiosi in quel periodo era occupata da una necropoli o da edifici sacri, è stata svelata un’abitazione del VI secolo vissuta fino alla seconda metà: una pianta rettangolare, due ambienti, uno zoccolo di blocchi di tufo con un ingresso, probabilmente preceduto da un portico, che si apre sui lati lunghi, sui quali sorgevano muri rivestiti di intonaco di argilla coperti da un tetto di tegole. La scoperta si deve agli scavi seguiti dalla soprintendenza speciale per il Colosseo, il Museo nazionale romano e l’Area archeologica di Roma all’interno di palazzo Canevari, ex Istituto Geologico, oggi di proprietà di Cdp Immobiliare srl (il gruppo Cassa Depositi e Prestiti).

La posizione della casa, situata in un punto elevato, lascia pensare che fosse abitata da una famiglia ricca, probabilmente incaricati della manutenzione dell’area sacra adiacente: un immenso tempio emerso negli anni scorsi, di cui resta ignota la divinità alla quale era dedicato.

Ansa.it

Ansa.it

La “casa dei re”, come l’hanno ribattezzata con affetto gli archeologi impegnati sotto la guida di Mirella Serlorenzi, dovrebbe avere una dimensione di 3 metri e mezzo per 10 di pianta con un’altezza di circa 3 metri. Lo stato di conservazione della casa è ritenuto straordinario; ciò è dovuto ad una serie di circostanze storiche. L’area apparteneva, fino al 1873, al convento dei Carmelitani, poi arrivò l’esproprio “per pubblica utilità” e la trasformazione dell’edificio nell’Istituto Geologico, realizzato da Raffaele Canevari, fortunatamente però, l’area archeologica rimase intatta. C’è da augurarsi che ora possa proseguire una giusta opera valorizzazione del ritrovamento e che possa presto essere fruibile ai cittadini e turisti che visitano la città.

Insomma, Roma, nonostante le polemiche degli ultimi tempi che la dipingono sporca e abbandonata, continua a regalarci scoperte sorprendenti ed affascinanti, che ci fanno innamorare di lei ogni giorno di più.

Ti è piaciuto questo articolo? Metti mi piace a Social Up!

About the Author
Claudia Ruiz

Claudia Ruiz

Nata a Catania nel 1989. Laureata in Scienze Internazionali presso l'Università di Siena. Nutro una passione per i temi di attualità e di politica estera, in particolare del sud est asiatico.

Loading...