Da Blastingnews

Il calendario della Coppa del Mondo di sci alpino: finalmente equilibrio!

Il nuovo calendario della Coppa del Mondo di sci alpino porta buone notizie per i colori italiani. Dopo anni di calendari sbilanciati a favore degli specialisti delle discipline tecniche durante questa stagione la divisione delle gare sarà più equilibrata.

Gli uomini affronteranno un totale di 38 gare così divise: 11 discese libere, 7 super G, 10 slalom speciali, 8 slalom giganti, 1 parallelo e 1 parallelo a squadre. Anche le donne disputeranno lo stesso numero di prove ma divise in modo ancor più equo: 9 gare per ognuna delle 4 discipline (discesa, super G, gigante e slalom) più 1 parallelo e 1 parallelo a squadre.

I favoriti in campo maschile

Una buona notizia considerando le caratteristiche degli azzurri, soprattutto per quanto riguarda il campo maschile. Da anni la stella del movimento è Dominik Paris, specialista delle prove veloci che vanta 39 podi di cui 19 vittorie in Coppa del Mondo. Paris insegue ancora la sfera di cristallo di discesa, dopo aver vinto quella di Super G nel 2019. Il miglior piazzamento dell’altoatesino è un quarto posto del 2019, mentre l’anno successivo ha saltato diverse gare a causa della rottura del crociato in allenamento, quando si trovava in uno stato di forma strepitoso in piena lotta per il trofeo più ambito.

La concorrenza è molto folta e vincere non sarà facile: basti pensare che l’ultima vittoria di uno specialista delle discipline veloci, tolto Kilde nel particolare anno della pandemia caratterizzato da molte gare cancellate, risale al norvegese Svindal nella stagione 2008/09. Certo la concorrenza è stata cannibalizzata dallo strepitoso Hirscher ma i favoriti per questa stagione sono diversi: dal campione uscente Pinturault al sempre più polivalente Kilde passando per il giovane ma ormai affermato Odermatt (svizzero classe 1997). Dopo una stagione deludente anche il norvegese Kristoffersen cercherà di fare il risultato dopo essersi arreso solo a Hirscher nel 2018.

Le favorite in campo femminile

La situazione in campo femminile è forse ancor più equilibrata, ma nella rosa delle pretendenti si potrà inserire finalmente anche  Sofia Goggia. La bergamasca, che sembra non avere rivali in discesa, potrà cercare avvicinarsi all’ambito trofeo generale. Anche in questo caso l’ultima vittoria generale di una vera specialista delle discipline veloci risale a diversi anni fa: era la stagione 2015/16 quando vinse la svizzera Lara Gut.

Il nuovo calendario della Coppa del mondo di sci alpino strizza però l’occhio alle sciatrici polivalenti, capaci di fare molti punti in praticamente tutte le discipline. Numerose sono le pretendenti: dalla Shiffrin all’ultima vincitrice Vlhova, non dimenticando però le azzurre Bassino e Brignone. La valdostana è stata l’ultima azzurra capace di vincere la Coppa del Mondo generale, nel 2019.

Dopo il tradizionale slalom gigante di apertura a Soelden, in Austria a fine ottobre, il circo bianco ripartirà con le gare dal secondo fine settimana di novembre. La stagione terminerà a marzo con le classiche finali di fine anno che, questa stagione, si terranno in Francia tra Courchevel e Meribel.

Gli appuntamenti italiani sono Bormio, Madonna di Campiglio, Alta Badia e val Gardena per quanto riguarda il calendario maschile (17-29 dicembre); mentre Cortina d’Ampezzo e Kronplatz (22-25 gennaio) per quello femminile.

In conclusione però non bisogna dimenticare che l’attenzione di quest’anno sarà rivolta anche ai Giochi Olimpici di Pechino, dal 4 al 20 febbraio 2022, nello specifico le gare di sci alpino si svolgeranno dal 6 al 19 concludendosi con la gara a squadre nel gigante parallelo.



Tommaso Pirovano