Disney in tavola: Crema di Crema alla Edgar de “Gli Aristogatti”

Eccovi una nuova puntata per questa frizzante rubrica! Oggi torniamo a parlare di film Disney ed in particolare degli Aristogatti!

Sicuramente ognuno di voi conoscerà questo lungometraggio a memoria: chi ha avuto la fortuna di nascere negli anni ‘90, vedrà queste puntate come un ritorno al passato e ai ricordi. Ci potrebbe essere nulla di meglio?

Chi invece conosce solo Avatar e Frozen, forse è meglio che si faccia una cultura: cartoni animati come un tempo non ne fanno più, purtroppo!

La storia degli Aristgatti marra di una mamma e dei suoi tre cuccioletti che, per invidia del maggiordomo dell’ereditiera nella cui casa vivevano, si ritrovano cacciati in piena notte e abbandonati sotto un ponte. Per fortuna però, arriva Romeo, “er gatto del Colosseo”, che fa di tutto per cercare di riportarli a casa sani e salvi. Tutto questo è ciò che succede solo nella prima parte del film, infatti ciò che si susseguono poi, sono le mirabolanti avventure di Madame, Minou, Bizet e Matisse che, cercando di ritornare a casa, iniziano a conoscere la vita vera. Quella fatta di gatti di strada, sicuramente, ma anche tanti nuovi amici con cui condividere le esperienze della vita. Il film non avrebbe potuto non concludersi con un lieto fine: difatti tutti e tre i mici riescono a tornare dalla loro padrona, incastrando il malvagio Edgar e accogliendo in casa anche Romeo, come nuovo papà per i piccoli cuccioli.

Tutto è bene quel che finisce bene, diremo noi! Ma quale cartone animato firmato Disney, non si conclude in bellezza?

Ad ogni modo, all’inizio del film, il malvagio maggiordomo Edgar serve questa crema ai piccoli micini, per la quale vanno letteralmente pazzi. Senza sapere però, che in realtà la crema era stata appositamente drogata da un potente sonnifero che li accompagnerà in un profondo sonno e poi a ritrovarsi sotto un ponte!

Per quanto il maggiordomo sia stato un mascalzone, non possiamo non citare questa crema, che di brutto non ha proprio nulla, anzi! Che però sia commestibile per i gatti, abbiamo qualche perplessità. Per sicurezza, offritela solo agli umani!

 

Crema di Crema alla Edgar

Ingredienti

  • 125 ml di panna fresca
  • 100 ml latte fresco
  • 4 tuorli d’uovo
  • 100 g di zucchero
  • 15 gr di farina 00 o fecola
  • Scorza di limone
  • 1/2 bacca di vaniglia

Procedimento

In primis incidete il bacello di vaniglia per il lungo, aprite i due lembi e prelevatene i semini. In una casseruola ponete la bacca svuotata e in una ciotola i semi di vaniglia.

Adesso è arrivato il momento di mettersi ai fornelli! Nella stessa casseruola, versate la panna, il latte e la scorza del limone. Per la scorza, “andate a sentimento”, ovvio è che più ne aggiungerete, più la crema avrà il sapore d’agrume. Mettete la casseruola sul fuoco e iniziate a riscaldare i liquidi.

A parte, nella ciotola con i semi di vaniglia, miscelate zucchero, farina e tuorli. Attenzione a non lasciare grumi di farina in giro!

Solo quando i liquidi arriveranno a bollore, dovrete versarli sul composto dentro la ciotola in tre volte, proprio per evitare che i tuorli delle uova subiscano uno shock termico e si straccino.

Dopo aver mescolato il tutto per bene, riponete nuovamente questa crema, visivamente liquida, dentro la casseuola e rimettete sul fuoco.

Una crema pasticcera che si rispetti deve essere cotta a fuoco moderatamente alto e mescolata con una frusta, infatti il segreto sta proprio nel conoscere visivamente quando una crema pasticcera è cotta. Purtroppo a riguardo non esistono tempistiche o trucchi per capire quando sarà cotta: solo l’esperienza, in questo caso specifico, potrà darci una mano.

Versate dentro delle coppette e spolverizzate la crema ancora calda con della cannella!



Alessia Cavallaro