Credits: benessereblog.it

Cristalloterapia: come ricaricarci con le pietre giuste

Vi sarà senza dubbio capitato di tornare da qualche viaggio o gita con una pietra come souvenir. Entrate in quei negozietti per un ricordino e non potete fare a meno di portarvi a casa una di quelle bellissime pietre che vi sono esposte. Ma vi siete mai chiesti perché? Perché siete così attratti da quegli oggetti e perché scegliete proprio una determinata pietra tra le moltissime disponibili? La risposta ce la fornisce la cristalloterapia, una pratica di medicina alternativa che utilizza proprio il potere dei cristalli, che possono essere pietre preziose o semi preziose. L’energia sprigionata dalla pietre ci aiuta a prendere consapevolezza di noi stessi, dei nostri problemi o disagi, che siano fisici o mentali. Attenzione: non stiamo dicendo che sostituisca la medicina tradizionale, assolutamente, ma la integra. Ci può aiutare a raggiungere un maggiore stato di benessere e di consapevolezza, fondamentale per la buona riuscita di qualsia cura.

Abbiamo detto che la cristalloterapia sfrutta l’energia, ossia la forza vitale che è alla base di tutto e che fa muovere il mondo. L’energia la troviamo in noi stessi, nella natura, negli animali e anche nelle pietre. Esse hanno una propria vita, si sono formate miliardi e miliardi di anni fa e non hanno mai smesso di evolversi: contengono energia primordiale. La loro energia, se siamo aperti e disponibili a riceverla, ci può aiutare a ritrovare la nostra. Essere ricaricati così da superare situazioni di disequilibrio e di blocco di energia, ad esempio stress e ansia.

Credits: lesfumaturedellaterra.weebly.com

Trovare la propria pietra

A volte, come detto all’inizio, la scelta della pietra avviene in modo inconscio, si risponde ad una sorta di richiamo naturale, in cui svolge spesso un ruolo fondamentale il colore. Le pietre hanno colori stupendi che sono un piacere per gli occhi e, per di più, sono legati ai vari chakra. Quindi questo fattore è determinante se il vostro obbiettivo è quello di riequilibrare i sette centri energetici.

Se invece, non avete avuto l’occasione di fare una scelta d’istinto, potete scegliere la vostra pietra analizzandone vari fattori: colore, sistema cristallino e sostanze minerali che la compongono. Non sembra semplice, lo sappiamo, ma basterà dedicare un pò di tempo ad informarvi, in fin dei conti lo state facendo per voi. A questo scopo può esservi utile “Cristalli per guarire”, un cofanetto composto da cinquanta carte raffiguranti cristalli, che ne irradiano l’essenza, e da un manuale con la descrizione completa di ognuna di esse. Potete comunque iniziare ad informarvi online, ad esempio sul sito imieicristalli.it, dove potete trovare delle schede dedicate ai vari cristalli.

Credits: dottoriitaliani.it

Come sfruttare l’energia delle pietre

Per poter ricevere i benefici delle pietre è necessario lavorare con esse in vari modi. Indossandole sempre e in maniera particolare durante pratiche di meditazione e di yoga. Possono essere trasformate facilmente in ciondoli e poi essere indossate come collane. Quando invece il vostro malessere ha una localizzazione ben precisa, ad esempio il mal di testa, potete collocare il cristallo direttamente su quella parte del corpo. Potete poi dormirci accanto e tenerle sempre esposte in casa vostra, specialmente nelle stanze dove trascorrete più tempo.

La natura ci fornisce da sé così tanta energia che sarebbe davvero un peccato ignorare questa sua generosità. Rispolverate le vostre pietre, se ne avete, oppure provate a trovare quella di cui avete bisogno. Ricordatevi sempre però di curarle e ricaricarle!



Giulia Storani