challenge coronavirus

Coronavirus Challenge, l’assurdo video di un’influencer che lecca un water

Dagli Stati Uniti ed esattamente da Miami arriva una nuova e terribile challenge. A proporre la gara all’emulazione è stata l’influencer di Tik Tok Ava Louise, che sabato sul suo profilo social ha condiviso un video su come leccare la tavolozza di un water in un aereo. Il video è stato intitolato “Coronavirus Challenge” e scanzonamente ha inserito in sottofondo la canzone “It’s Corona Time”.

Ricordiamo che le challenge sono una sorta di sfida online in cui si invitato i propri follower ad emulare ed imitare la propria “prova” di coraggio. In questo caso la gara consisterebbe nel leccare i water di aerei o di altri luoghi pubblici.

Se la challenge e il video possono sembrare già di per sé assurdi, Ava Louise, qualche giorno prima di caricare online il suo video, aveva rilasciato anche un’improbabile dichiarazione sul suo profilo Twitter:

“Coronavirus is for poor people and poor people only… Just remember you caught coronavirus because you’re ugly. If you stopped stuffing your fat face and lost some weight you wouldn’t catch coronavirus.”

“Il Coronavirus è solo ed esclusivamente per le persone povere… Ricorda che puoi prendere il coronavirus perché sei brutto. Se la smetteste di riempirvi la faccia di grasso e perdeste un po’ di peso, non rischiereste di beccarvi il coronavirus.”

Un vero e proprio messaggio forviante, fatto di luoghi comuni e pregiudizi, che non guardano alla realtà della situazione che tiene l’intero pianeta con il fiato sospeso.

Qualcuno ha poi fatto notare all’influncer che la sua è stata una vera e propria pazzia sconsiderata e Ava è subito corsa ai ripari twittando che la sua è stata una bravata. La stessa Ava ha definito il suo post una trovata pubblicitaria.

I suoi video e le sue parole non hanno trovato, fortunatamente, un grande riscontro, l’intera comunità dei social ha compreso che sono un insulto a chi si è ammalato e a chi soffre di malattie croniche e alle comunità immunodepresse.



Benito Dell'Aquila