Da www.cinematographe.it

Candidature David di Donatello 2021: tutto ciò di cui non vi siete accorti

Sono state ufficializzate le candidature ai David di Donatello 2021. Da qui all’11 maggio abbiamo tutto il tempo di analizzare, studiare i film in gara e fare le nostre proposte. Ma vediamo insieme quali sono le candidature più interessanti, quelle che fanno più “rumore”. E proviamo anche ad analizzare quali sono gli aspetti di cui magari non vi eravate accorti.

Partiamo comunque con la menzione al film che ha monopolizzato l’attenzione, “Hammamet”. Il lungometraggio, basato sulla vita di Bettino Craxi, interpretato da Pierfrancesco Favino, ha ricevuto ben 14 candidature, tra cui quella per il miglior film. Praticamente ovvia la presenza di Pierfrancesco Favino tra i candidati al miglior attore protagonista; scontata anche quella al miglior trucco (attenzione, lo diciamo in maniera assolutamente positiva). Favino si conferma ancora una volta un grandissimo attore, un interprete capace sempre di regalare interpretazioni memorabili. Insomma, un vero Re Mida del cinema nostrano.

Da www.cinematographe.it

Altra pellicola regina alle candidature dei David di Donatello 2021 è “Favolacce”, il film diretto dai fratelli D’Innocenzo e con protagonista Elio Germano. Film molto discusso, per questi David ha ricevuto ben 10 candidature, tra cui la più prestigiosa, quella per il miglior film.

Altra nota di merito va a Matilda De Angelis, forse l’attrice del momento. Dopo Sanremo e dopo la serie “Leonardo”, la giovanissima attrice bolognese ha ricevuto una candidatura come miglior attrice non protagonista per il film “L’incredibile storia dell’isola delle rose”. Un momento d’oro per l’attrice, che si sta confermando come una delle interpreti più interessanti e carismatiche del panorama cinematografico italiano. Tra l’altro, “L’incredibile storia dell’isola delle rose” ha ricevuto ben 11 candidature: un numero straordinario per una pellicola che non ha nemmeno visto la sala cinematografica.

Veniamo agli aspetti più “nascosti”, quelli che non saltano all’occhio immediatamente. In primis non possiamo non soffermarci un momento sulla candidatura di Sophia Loren. L’eterna attrice, icona del cinema non solo italiano, ha ricevuto la nomination come miglior attrice protagonista per il film “La vita davanti a sé”. Sophia Loren ha vinto ben sei volte la statuetta come miglior attrice protagonista, il che la rende l’attrice più premiata di sempre nella categoria. Qualora dovesse vincere anche quest’anno, salirebbe a quota sette, un record storico e difficilmente raggiungibile.

Da sottolineare, per restare in tema con il film, la candidatura anche per Laura Pausini. La cantante emiliana, infatti, ha ottenuto una nomination per la miglior canzone originale con il suo brano “Io sì (Seen)”. Un singolo che sta veramente facendo faville, se consideriamo che Laura Pausini ha ottenuto anche una candidatura ai Premi Oscar e ha vinto anche il Golden Globe.

Non dimentichiamoci nemmeno di Benedetta Porcaroli che, con la sua interpretazione nel film “18 regali”, ha ricevuto una candidatura come miglior attrice non protagonista. Per la giovanissima attrice si tratta di un esordio assoluto: è, infatti, la sua prima nomination ai David di Donatello.

Un altro attore che sta facendo parlare di sé, in questo periodo, è Pietro Castellitto. Tutti noi lo stiamo vedendo alle prese con la sua interpretazione di Francesco Totti in “Speravo de morì prima”, serie che sta dividendo l’opinione pubblica. L’attore romano, però, prima ancora del suo lavoro nei panni del Capitano, si è affermato anche come regista, per chi non lo sapesse; non a caso ha ricevuto anche una candidatura proprio come miglior regista esordiente per il suo film “I predatori”.

Un film che magari è un po’ passato sottotraccia ma che merita una menzione è “Le sorelle Macaluso”. Diretto da Emma Dante, la pellicola ha ottenuto ben sei candidature. Attorno a questo film c’è una curiosità interessante che magari è passata inosservata ai più. Il soggetto del film è infatti tratto dall’omonima rappresentazione teatrale del 2014, scritta e diretta anch’essa da Emma Dante stessa.

Non analizzeremo nel dettaglio ogni film di queste candidature dai David di Donatello 2021, perché il discorso si farebbe eccessivamente lungo. Per l’elenco completo, tuttavia, potete andare sul sito ufficiale della cerimonia, dove troverete tutte le nomination divise per categoria.

Ora la data da segnare sul calendario è l’11 maggio, data della cerimonia. Vedremo se “Hammamet” manterrà le aspettative e soprattutto se Sophia Loren farà ancora una volta la storia!



Marco Nuzzo