Camminare nella natura: il mezzo più efficace per fuggire dallo stress

Gaia Toccaceli

In EXPERIENCE / Gaia Toccaceli / Comments

17 milioni di italiani soffrono di disturbi psichici, ovvero di ansia e stress. Lo hanno rivelato gli studi della Società Italiana di Psichiatria nel 2014. Ad oggi i numeri sono in aumento e tutti noi possiamo immaginare le motivazioni. Il lavoro, lo studio, le condizioni precarie, le continue incertezze che dominano la nostra quotidianità non ci rendono la vita facile. I più fortunati soffrono di lievi disturbi, mentre i casi più gravi devono combattere contro attacchi d’ansia e vari disturbi che si presentano all’occorrenza.

Nella società in cui tutto deve arrivare subito e in cui meno sforzo si fa e meglio è, i medicinali sembrano la soluzione migliore. Come se in una pasticca da pochi millimetri di diametro risiedesse la soluzione a tutti i problemi della vita. Sicuramente non vogliamo opporci al buon consiglio dei medici, sia chiaro! È bene sottolineare che ogni caso deve essere valutato da uno specialista e trattato secondo la terapia che risulta più appropriata. Ciò che vogliamo sottolineare è il fatto che in alcuni casi è sufficiente cercare di affrontare il problema per tempo e con altri mezzi.

Gregory Bratman, laureato alla Stanford University, nel 2015 ha realizzato uno studio per registrare gli effetti neurologici di una camminata su diversi soggetti. Alcuni volontari della ricerca dovevano camminare per 90 minuti in mezzo al traffico della città, mentre altri all’interno di un’area naturale. Unica regola: camminare al proprio ritmo. Nessuna compagnia e niente musica.

Indovinate cosa hanno evidenziato i risultati? Camminare all’interno della città e del traffico non aveva affatto contribuito a calmare le menti delle persone. Al contrario chi aveva privilegiato una zona naturale poteva dirsi più sereno e tranquillo. Non si tratta di puri resoconti vocali dei candidati, ma di dati certificati anche a livello neurologico registrando un maggiore afflusso di sangue a certe zone del cervello.

Cosa stiamo cercando di dirvi? Camminate gente! Se vi sentite affaticati dagli impegni d’ufficio, dallo studio per gli esami imminenti, dalle troppe incombenze della vita adulta, camminate! E preferibilmente fatelo in un parco, tra le colline, in mezzo alla campagna. Prima di cadere nel baratro dell’ansia con tutte le conseguenze negative che questo comporta, indossate le vostre scarpe da ginnastica e aprite la porta. Ci saranno giorni in cui vi sentirete stanchi e svogliati. Proprio in quei giorni vi chiediamo di fermarvi un momento, fare un piccolo sforzo e dedicarvi del tempo per la vostra salute. Per una mente più distesa, per una vita più serena, per una vita più felice! Provare per credere. Male che vada il vostro fisico avrà guadagnato un po’ di tonicità.