sesso e mamma pancina zia benny

Vorrei più sesso e giochi erotici, ma ho sposato una mamma pancina

“Ciao Benny,
scrivo per un consiglio. Sono sposato da anno con Micaela, ci amiamo tanto e anche i litigi sono carichi di sentimento. La nota dolente è il sesso, che abbiamo praticato dopo il matrimonio in maniera molto “classica” e in vista di una gravidanza, mentre io vorrei sperimentare tante altre cose. Durante i 4 anni di fidanzamento non siamo mai arrivati ad un rapporto completo. Lei ha sempre messo tutto in chiaro ed io dopo un po’ mi sono arreso, convinto che con il matrimonio avremmo trovato la giusta intesa. Ho anche scoperto che segue una pagina di mamme un po’ all’antica e penso che ciò che legge possa condizionarla. Non voglio passare per un malato di sesso, ma non so come farle capire che per me l’intesa è importante. Non oso immaginare come potrebbe reagire se le chiedessi di praticare del rimming o di interpretare gioco di ruolo…

Pensi ci sia speranza?
Claudio.”

Claudio, come darti torto. Senza cadere in superficiali retoriche, il sesso rientra a pieno titolo tra gli aspetti più importanti di una relazione. Proprio lì, dove non arrivano le parole, può arrivare il sesso. La grande Mina in una canzone recita: “facciamo pace a letto e non dentro la testa!” e se a insegnarci questa lezione è la Mazzini, chi siamo noi per affermare il contrario?

Il sesso, l’intesa e la complicità, possono considerarsi come delle iniezioni di epinefrina, pronte a dare la giusta scarica salva relazione, in barba ai tanti ostacoli che la vita ci pone davanti. Cosa succede, però, se il sesso manca o se non concede lo stesso grado di soddisfazione ad entrambi? La risposta è semplice. Avviene una rottura e si inizia a cercare ciò che concede appagamento al di fuori della relazione. Viene dunque a mancare una sorta di collante che per ogni coppia è essenziale. Beh, a meno che, non si possiede la stessa forza spirituale del Dalai Lama o si è così remissivi da chiudere gli occhi e destinarsi ad una vita povera di soddisfazioni golose. In questo caso, consiglio Müller, pare prometta di fare l’amore con il sapore.

Fonte: youtube

Claudio, ho però, per te un domanda. Ed ora entro in modalità irriverente tipo Franca Leosini. In quattro anni di fidanzamento, di cosa hai parlato con Micaela? Della teoria della relatività? Di come nidificano le rondini in primavera? Perché siete arrivati ad oggi senza sapere cosa vi piace? Comprendo e rispetto chi vuole arrivare casto e puro al matrimonio, ma ciò non toglie che avreste potuto confrontarvi e darvi lezioni teoriche di sesso da sperimentare… poi. Il silenzio vi ha fregati e ha fregato soprattutto te. La tua compagna, da ciò che scrivi, sembra vivere a pieno la sua idea di sessualità, ma tu?

Mi parli di rimming e di giochi di ruolo, il che mi lascia supporre che tu sia un ragazzo navigato e dalla grande conoscenza di ciò che la sua mente e il suo corpo hanno da offrire. Sai bene dove vorresti essere solleticato, eppure non puoi mettere in pratica ciò che desideri. Come quando sono a dieta. So cosa vorrei mangiare, ma non posso. Allo stesso modo tu, ti sei impelagato, desideri vivere la tua sessualità, ma non sai come venirne fuori senza ferire la persona che ami.

Fonte: francescafrascarelli.com

Hai mai sentito parlare delle mamme pancine? Sono donne che si ritrovano sul web a scambiarsi pareri e opinioni sulla loro vita matrimoniale, la vita di coppia, il sesso e le gravidanze. Il signor Distruggere, Vincenzo Maisto, ci ha costruito un impero e ha svelato al mondo le assurdità e gli innumerevoli preconcetti che circolano in questa parentesi del web. Se Micaela condivide queste idee, è possibile tu abbia sposato una mamma pancina. Sesso e mamma pancina, spesso sono, come dire, difficili da abbinare, un po’ come il nero con il marrone.

Se così fosse, Claudio, la tua situazione è dura! Molto dura ed è giunto il momento di prendere in mano questa durezza… ehm, situazione! Parla con lei, senza veli, trovate un compromesso e pian piano conducila per mano e con lingua verso i lidi inesplorati del rimming e dei giochi alle 50 sfumature di grigio.

Se non prova, come potrà dire che non le piace? E se tira fuori la parola immorale o zozzeria, dille che le zozzerie nel sesso, non esistono! Parola di lupacchiotto!

Vuoi raccontare un tuo problema a zio Benny? Scrivimi a benito.dellaquila@socialup.it o cercami su IG: @lookonart



Benito Dell'Aquila