Sono vegetariana! Le 10 domande più curiose a cui ho dovuto rispondere

In #Focus, EXPERIENCE by Alice SpotoLeave a Comment

Due anni fa circa, nel bel mezzo di un tradizionale pranzo della domenica di una numerosa famiglia del sud, ho ben pensato di fare un outing che i miei genitori aspettavano da un momento all’altro. No, ma che avete capito; i gusti sessuali non c’entrano! La mia dichiarazione era di tipo alimentare. Ho annunciato infatti di voler diventare totalmente vegetariana. L’aria calda di una soleggiata e afosa giornata di agosto si è subito fatta gelida e pesante.

Naturalmente, i perché di questa scelta mi assalirono come se avessi appena confessato di aver ucciso un uomo. In realtà la mia poca simpatia verso la carne era già da tempo nota. Infatti sin da bambina manifestai una sorta di rifiuto verso il cibo animale. Ma la cosa che più stupii i miei parenti fu quello di eliminare tutti i tipi di carne e anche di animali marini. Spiegai che i miei motivi erano strettamente personali e prettamente etici, legati al mio grande amore verso l’ambiente e gli animali.

Da quel momento incominciò un periodo di piatti con carne malcelata, battutine e dubbi vari. Non ci crederete ma con il tempo le loro perplessità si sono appianate, pur la costante presenza della domanda di mia nonna:“Ma ancora sei vegetariana?”.

Ma lo stesso copione si ripresenta pure durante i pranzi di lavoro, le cene fuori con gli amici, al supermercato e soprattutto durante quelle occasioni dove si presuppone che sia d’obbligo mangiare carne come ad esempio le famose scampagnate di Pasquetta e dell’1 Maggio. Perché si diciamolo, il vegetarianismo e il veganismo sono ormai diventati argomenti di discussione molto in voga.

Per non parlare poi del periodo pasquale, durante il quale la domanda più gettonata oltre a: “Ma vuoi l’uovo di Pasqua anche se non hai più i calzoncini corti?”, è “Tu mangi l’agnello?”. Volendo sfatare il falso mito che noi vegetariani/vegani siamo una setta di individui fanatici e pieni di odio verso i carnivori, non sarò di certo io ad alimentare l’astio e la polemica tra le due fazioni pro e contro il consumo di agnello, ma anzi vi dirò che non si fanno “guerre” con chi non mangia quello che mangiamo noi. Confrontarsi, dialogare civilmente e spiegare i propri punti di vista è una delle forme di biodiversità da preservare mentre, con le proprie azioni, si porta avanti quello in cui si crede.

Ma quali sono le domande e curiosità più strane che mi sono state rivolte da vegetariana? Eccone alcune:

1. E che cosa mangi quindi? Solo frutta e verdura?

 Risposta: “In realtà tantissime cose! La mia dieta comprende verdure, frutta, legumi, uova, formaggio, pane e tanti dolci per quanto mi riguarda. Oltre ai sostituti della carne come il tofu e il seitan. Come vedi, quasi tutto ciò che mangi anche tu, tranne tutte le varietà di carne e pesce. “

2. Ah, ma quindi non mangi nemmeno il pesce? Perché?

Risposta: “Semplicemente perché sono esseri animali anche loro. Mi rendo conto che magari è difficile provare empatia per un mollusco o un crostaceo. Benché alcune persone scelgano di rinunciare alla carne continuando comunque a mangiare il pesce, la scelta vegetariana prevede solitamente l’eliminazione dalla propria dieta di tutti gli animali. Polpi, cozze e vongole comprese.”

3. Tutto chiaro: niente carne e pesce. Ma almeno il prosciutto lo mangi, vero? E le scatolette di tonno?

Risposta: “Veramente no. Pur non avendo l’aspetto di una bistecca, prosciutto, mortadella, salame e tutti gli altri salumi sono ovviamente da considerarsi al pari della carne poiché derivano da mucche, maiali e polli; come il tonno in scatola è pur sempre un pesce!”.

4. Sei vegetariano, niente formaggio allora? E neanche le uova, giusto?

Risposta: “Ehm no. Quelli sono i vegani, che oltre gli animali non mangiano derivati (latte e latticini, formaggi, uova, miele) sia per motivi etici che di salute e benessere fisico. Io pur evitando il consumo di latte e preferendo il latte di soia e di riso a quello tradizionale, consumo regolarmente formaggi e latticini.”

5. E al ristorante? Cosa ordini? Un’insalatina?

Risposta: “Ma sai che non prendo mai un’insalata come piatto unico? Non sono mica in dieta! Ormai per fortuna trovare proposte vegetariane al ristorante è abbastanza facile. Ci sono perfino ristoranti stellati completamente vegetariani. Mal che vada, si può sempre ripiegare su una classica e democratica pizza.

6. Ok, ma le proteine e il ferro dove li prendi? Le tue analisi come sono?

Risposta: “Ehi, non avrei mai pensato che ci fossero così tante persone interessate al mio stato di salute! E comunque, ti sembrerà strano ma le mie analisi hanno i valori in perfetta norma, e comunque le proteine e il ferro li assumo per mezzo dei legumi, cereali – come la quinoa – dai derivati della soia come tofu e seitan, e dalla frutta secca. Come vedi la natura ci fornisce ciò di cui abbiamo bisogno.”

7. Beh dai, vegetariano ancora ancora, ma vegano? Ma come si fa?

Risposta: “Io mangio spesso anche vegano e devo dire che, superata la diffidenza iniziale, adesso mi piace molto. Credo che sia questione di organizzazione e abitudine. Io consiglio sempre comunque di assaggiare prima di valutare. Ad esempio, sai che esistono dei buonissimi e leggeri dolci vegani senza uova e latte?”

8. Anche il tuo fidanzato è vegetariano?

Risposta: “Credo che il mio fidanzato sia una delle persone più carnivore che io abbia mai conosciuto. E comunque il vegetariano decide di non mangiare la carne ma non urla scappando davanti a chi la mangia. Sono idee diverse, ma nessuno deve essere obbligato a seguire una scelta che non sente sua. Quindi no, il mio fidanzato non è vegetariano e non lo sarà mai”.

9. Ma cosa c’entra l’impatto ambientale? Non penserai mica di poter cambiare il mondo!

Risposta: “Ovviamente no, però hai presente quel proverbio cinese <<Se ognuno tiene pulito l’uscio di casa propria, tutta la città sarà più pulita?>>. Ecco, io nel mio piccolo vorrei fare la mia parte.”

10. Ma perché rinunciare ai piatti tradizionali delle nonne?

Risposta: ” È vero che la tradizione gastronomica italiana contiene molte ricette a base di carne. Ma mia nonna è ben felice di prepararmi una quantità sproporzionata di prelibatezze considerate golose dal carnivoro più convinto. Infatti hai mai pensato che piatti tipici come gli spaghetti con il sugo di pomodoro o la pizza margherita sono 100% vegetariani?”