Un film a tavola: il famosissimo Hamburger McDonald da “The Founder”

Se vi chiedessimo di descriverci il primo hamburger che vi viene in mente, quasi sicuramente sarebbe quello firmato McDonald. Questa azienda, diventata un colosso internazionale negli anni, deve la sua notorietà al fatto di aver dato vita a quello che poi sarà il boom dei Fast Food nel mondo. Primato indiscusso nella classifica delle paninoteche mondiali dal giorno esatto in cui è stato tagliato il nastro rosso del suo primo franchising, è proprio il colosso americano fondato da Mr. McDonald e da Mr. Kroc. Pronti adesso a saperne di più di questo famosissimo hamburger e della sua storia?

“The Founder” è una pellicola del 2016 diretta da John Lee Hancock e racconta l’ascesa del primo fast food al mondo e la vera storia del suo proprietario e ideatore, Mr Ray Kroc. Nel 1954 in Illinois Ray è un semplice venditore di frullatori i cui affari purtroppo soddisfano le sue aspettative. Stanco e stufo della situazione in cui si ritrova, cerca di trovare gli errori che non gli permettono di essere un asso nella vendita. Egli crede, infatti, che l’insuccesso non derivi dal prodotto che vende, ma che la colpa stia nel metodo in cui viene servita la clientela. Per lui, il procedimento utilizzato da tutti nella vendita, è troppo antiquato e impersonale. Soprattutto, il dover far aspettare la clientela costringendola a fare una fila che non sopporta, è il nodo cruciale ed errato di questo complesso sistema.

Il punto di svolta lo ottiene quando la sua collega June lo informa che il ristorante, all’epoca poco conosciuto e col nome di “McDonald”, li ha contattati per effettuare un grosso ordine nella loro azienda. Quale migliore occasione di vedere sul campo cosa succede dietro le quinte di un “ristorante”?  Ray Rock parte così alla volta di San Bernardino per andare a conoscere di persona la famiglia McDonald. Giunto al ristorante, Ray, rimane sbalordito nel vedere che il locale e i suoi lavoratori sono in grado di soddisfare tutti gli ordini ricevuti in pochissimo tempo. La cosa che lo lascia ancora più di stucco è vedere il prezzo a cui viene venduto il servizio e i piatti che propongono nel menù.

Una cosa mai vista prima ed è sicuro che dietro a un’organizzazione del genere ci deve assolutamente essere una grande mente. Conosce così il proprietario Mac McDonald, il quale gli mostra ben volentieri la maniacale organizzazione delle cucine e il suo socio in affari e fratello Dick. Esterrefatto ed affascinato da ciò che gli viene presentato, decide di cambiare vita, lavoro (entrando in società con i fratelli Mc Donald) e aprendo un franchising di hamburger McDonald in tutto il territorio americano! Quella che però non conoscono i fratelli McDonald, è la vera natura subdola di Kroc, il quale vorrebbe estrometterli dal futuro della loro stessa azienda.

https://www.artapartofculture.net

Negli anni McDonald si è specializzata nell’uscita di tantissimi panini in edizione limitata, proprio per invogliare la clientela a ritornare nei propri punti vendita e fidelizzare il cliente all’acquisto dei propri prodotti. Quello che però è rimasto unico ed inimitabile è il primo panino nato col marchio McDonald e che non potrà mai essere sostituito con un altro: la storia rimane fondamentale, anche se quando si tratta di un fast food e dei suoi hamburger!

Ricetta dell’ Hamburger Mc Donald

Ingredienti per 4 hamburger:

  • 320 gr carne di manzo tritata prima scelta
  • 100 gr latte fresco
  • 4 cetrioli sott’aceto
  • 1 cipolla bianca grossa
  • 2 fette sottili di formaggio Cheddar
  • senape o mostarda
  • ketchup
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale
  • pepe
  • 4 bun da hamburger
www.mcdonald.it
www.mcdonald.it

Procedimento:

In primis occupiamoci della carne, mettendo ad ammorbidire il tritato di manzo con il latte. Aggiungiamo poi il sale e pepe a piacimento. Misceliamo bene il tutto e lasciamo da parte a far riposare.

Tagliamo poi rondelle la cipolla bianca e ricaviamone dei cerchi che andremo a cuocere in padella. Facciamo cuocere, senza far appassire, gli anelli in un’emulsione di olio extra vergine d’oliva, acqua e sale. La cottura della cipolla, non è obbligatoria, ma servirà a rendere quest’ultima molto più digeribile, intaccando poco il gusto organolettico della verdura. Noi ci teniamo ai nostri stomaci!

Cotta la cipolla, torniamo sulla carne dividendo l’impasto ottenuto in 4 hamburger. Sarebbe ottimale riuscirli a fare di dimensioni uguali e soprattutto grandi quanto il diametro del panino che andremo a riempire.

Formiamo adesso una palla di carne e poi appiattiamola tra i nostri palmi. Eventualmente, in commercio si trovano anche strumenti in grado di semplificare questo passaggio.

Mettiamo sui fornelli una piastra che dovrà risultare rovente all’arrivo della carne. Cuocete gli hamburger, mantenendovi su una rosolatura media. E’ ovvio che la cottura della carne debba andare a gusto, ma come diciamo noi: la perfezione sta sempre nel mezzo!

Finito di cuocere gli hamburger, dividiamo ogni bun (pagnotta) di pane a metà e abbrustoliamole sulla stessa padella utilizzata precedentemente. Il grasso della carne insaporirà maggiormente il pane, creando una deliziosa crosticina.

A questo punto siamo pronti per l’assemblaggio!

Prendete la parte inferiore di ogni bun e mettete sopra una fetta di formaggio Cheddar. Appoggiateci poi l’hamburger ancora caldo e sormontatelo con la seconda fetta di Cheddar, la mostarda e il ketchup. Per ultime, ma non meno importanti, poggiate sopra gli anelli di cipolla e le fettine precedentemente ricavate dai cetrioli sott’aceto. Chiudete il tutto con il pezzo superiore della pagnotta e servite caldi!

La tradizione vuole che questi hamburger McDonald così speciali vengano serviti assieme ad un piatto di patatine lunghe fumanti e chi siamo noi per contraddire la storia? Quindi, patatine per tutti!



Alessia Cavallaro