Storie horror e di fantasmi: ecco il meglio!

In SPETTACOLO by redazioneLeave a Comment

Il prestigioso Publisher’s Weekly, uno dei più importanti magazine nel mondo editoriale ha affidato all’esperienza e alla penna di Lauren Oliver il compito di stilare la top ten delle migliori storie horror di fantasmi. L’autrice assai nota tra i lettori di lingua inglese non si è fatta pregare ed ha redatto una lista intrigante, tra conferme e suggestioni inattese.

In cima, manco a dirlo, c’è comunque il maetsro dell’horror contemporaneo: Shining di Stephen King sbaraglia la concorrenza e si issa al primo posto. “Non vi accontentate di aver visto il film, – spiega giustamente la Oliver – il libro è assai più terrificante”.

Al secondo posto troviamo L’incubo di Hill House di Shirley Jackson, pubblicato in Italia da Adelphi. La scritrice americana realizza un horror  “progressivo”, che fa letteralmente tremare di paura quanto più si procede nella storia. Terzo gradino del podio per un altro grandissimo clasico. Il giro di Vite di Henry James, al quale si ispirò perfino Benjamin Britten per un’opera lirica. Il “magistrale uso dell’ambiguità” lo rende non solo secondo la Oliver un’opera straordinaria.

Seguono nell’ordine le Storie di Fantasmi di Peter Straub e la Donna in Nero di Susan Hill, mentre al sesto posto troviamo nuovamente un maestro: Ligeia di Edgar Allan Poe con la sua terribile protagonista femminile, un personagio di fronte al quale impallidiscono perfino le più riuscite dark ladies della storia del Noir. L’antiquario di M.R, James occupa il settimo posto con la sua raccolta A warning to the curious, davanti a La Zampa di Scimmia di William Jacobs, scritto nel 1902 ma che ha ispirato diversi episodi di serial televisivi. uno su tutti “I Simpson”.  Chiudono la lista altri due classici Il canto di nataledickensiano, che secondo la Oliver testimonia di come nellle storie di fantasmi ci possano essere anche protagonisti benevoli, e Il Cappotto di Gogol, anch’essa non esplicitamente una storia di fantasmi tradizionale, ma in ogni caso un capolavoro.